Superbonus, modulo unico per la comunicazione di inizio lavori

Arriva un modulo unico, valido in tutta Italia, per la Comunicazione di inizio lavori per il Superbonus. Lo ha annunciato il ministero della P.A – guidato da Renato Brunetta – spiegando che “per assicurare la massima operatività e l’uniforme applicazione delle semplificazioni su tutto il territorio nazionale, il Dipartimento della Funzione pubblica sta lavorando con le Regioni, l’ANCI e tutte le altre amministrazioni interessate alla predisposizione di un modulo per presentare al Comune la comunicazione dei lavori per il Superbonus (CILA-Superbonus), valido su tutto il territorio nazionale“.

Il Ministro  Brunetta ha precisato che il nuovo modulo unico “è una comunicazione di inizio lavori e basta, e non ci sarà nessun obbligo di certificazione di regolarità dell’immobile, che spetta allo Stato, se vorrà“.

La semplificazione del Superbonus 110% punta a risolvere i problemi dell’eccesso di adempimenti burocratici, aggravati dalla situazione di emergenza epidemiologica, che sinora hanno frenato l’accesso alla misura soprattutto da parte dei condomini. A fine aprile erano, infatti, state presentate appena 12.745 domande (di cui solo il 10% per condomini e il restante 90% per edifici unifamiliari e unità’ immobiliari autonome).

Tutti gli interventi che rientrano nel Superbonus, compresi quelli che riguardano parti strutturali degli edifici e i prospetti, potranno ora essere realizzati con una semplice comunicazione al Comune, asseverata dal tecnico (Cila-Superbonus). Sono esclusi solo gli interventi che prevedono la demolizione e la ricostruzione degli edifici. L’eliminazione dell’attestazione di stato legittimo comporterà, oltre ad un risparmio di tempo, anche un risparmio di spesa stimabile in 110 milioni di euro. Non sarà necessario neanche presentare l’agibilità, dato che gli interventi previsti dal Superbonus migliorano l’efficientamento energetico e quello antisismico.

Questa procedura semplificata consentirà così di accelerare gli interventi di efficientamento energetico e antisismico ed eliminare le lunghe attese per accedere alla documentazione degli archivi edilizi dei Comuni (3 mesi in media per ogni immobile oggetto di verifica).

Previous articleCoordinamento FREE: “Nuova legge Regione Lazio chiude alle rinnovabili e apre ai fossili”
Next articleTerna, a giugno consumi elettrici in crescita (rinnovabili al 42%)