Superbonus 110, il Movimento 5 Stelle insiste per l’estensione

Ultime sul fronte Superbonus 110%: con la Legge di bilancio in dirittura di arrivo, nel dibattito parlamentare di queste ore, si è ottenuta un’estensione al 2022, ma non si ferma il pressing del Movimento 5 Stelle che chiede che l’iniziativa venga estesa almeno a tutto il 2023.

Ma andiamo in ordine. La Legge di bilancio 2021, come detto, proroga al 30 giugno il Superbonus 110%. L’articolo 119 del Dl 34/2020 (c.d. decreto Rilancio) agevola gli interventi finalizzati al risparmio energetico e alla riduzione del rischio sismico. Interventi per i quali spetta una detrazione del 110%.

Si distingue, come ampiamente riportato in queste settimane, tra lavori “trainanti” e quelli “trainati”. Quest’ultimi sono agevolati solo se effettuati congiuntamente a quelli trainanti (qui tutte le nostre news sul tema Superbonus).

Ma il Movimento 5 Stelle ha annunciato la stesura di un documento da sottoporre al Presidente Conte con una serie di richieste divise in macroaree. Tra questa anche la transizione ecologica, per la quale la prima richiesta riguarda l’estensione al 2023 del Superbonus 110%. L’idea, dunque, è sempre quella di realizzare nuovi impianti e ammodernare quelli esistenti, anche su iniziative regionali per migliorare la qualità dell’aria. Il tutto, auspicabilmente per il Movimento, con le risorse del Recovery Plan.