STMicroelectronics conclude acquisizione di Norstel AB

ST Microelectronics rafforza il suo ecosistema SiC (carburo di silicio), che spazia dalle competenze nei materiali e nella ingegneria dei processi fino alla progettazione e alla produzione di diodi e MOSFET (transistor metallo-ossido-semiconduttore a effetto di campo). La società svizzera, tra i leader globale nei semiconduttori – con clienti in tutti i settori applicativi dell’elettronica, anche batterie e auto elettriche –  ha infatti  annunciato di avere acquisito interamente la svedese Norstel AB, azienda produttrice di fette in carburo di silicio. A seguito della transazione iniziale annunciata a febbraio 2019, ST Microelectronics ha esercitato la sua opzione per acquisire la quota restante del 45%. Il corrispettivo totale per l’acquisizione di Norstel è stato di 137,5 milioni di dollari, finanziato con la liquidità disponibile.

In un momento di limitazione della capacità globale per il carburo di silicio, l’acquisizione dell’intera Norstel rafforzerà il nostro ecosistema interno nel SiC: aumenterà la nostra flessibilità, ci consentirà di controllare meglio i progressi a livello di rendimento e qualità delle fette e sarà di supporto alla nostra roadmap a lungo termine e al nostro business per quanto riguarda il carburo di silicio – ha dichiarato Jean-Marc Chery, President & CEO di STMicroelectronics – . Questa acquisizione si aggiunge agli accordi per la fornitura di fette stipulati con terze parti, con l’obiettivo di garantirci il livello di substrati necessario per produrre MOSFET e diodi in vista del ramp up dei programmi che abbiamo in corso con clienti del settore industriale e del mercato automotive nei prossimi anni”.