Sorgenia, impianto FV da 40 kWp nel Salento per la cooperativa Cupertinum

Sorgenia ha installato un impianto fotovoltaico da circa 40 kWp presso la Cupertinum (Antica Cantina del Salento 1935), una delle storiche cooperative del Salento e punto di riferimento dei soci viticoltori della zona (nella foto la cerimonia di inaugurazione con i rispettivi manager).

La cooperativa – riporta un comunicato – aveva espresso la volontà di autoprodurre gran parte del proprio fabbisogno energetico attraverso la realizzazione di un impianto fotovoltaico su copertura, così da non utilizzare il suolo destinato invece alle coltivazioni. I progettisti di Sorgenia hanno studiato le abitudini di consumo della cooperativa per definire la corretta dimensione dell’intervento, in modo da massimizzare l’energia prodotta ed auto-consumata, venendo incontro alle esigenze economiche del cliente ed accrescendone la compatibilità ambientale. L’impianto realizzato, di potenza pari a circa 40 KW, produrrà 52.000 kWh annui ed eviterà l’emissione in atmosfera di 12.000 kg di CO2 l’anno, l’equivalente di 559 alberi piantumati.

È stata anche installata una colonnina per la ricarica delle auto elettriche e un display che contabilizza in tempo reale l’energia verde prodotta e la quantità di anidride carbonica evitata. Tutte le soluzioni sono gestite da remoto attraverso una un sistema digitale di controllo che ne ottimizza l’utilizzo.

Andrea Chinellato, Direttore della business unit Green Solutions di Sorgenia ha dichiarato: “Lindustria vinicola, insieme a quella alimentare, rappresenta leccellenza italiana nel mondo, oltre a essere uno tra i settori più competitivi per leconomia nazionale. È importante, dunque, che diventi anche un modello di ecosostenibilità per tutte le realtà produttive del nostro Paese, chiamato nei prossimi anni a incrementare sensibilmente la produzione da fonti rinnovabili. La Cantina Cupertinum è senza dubbio un esempio da replicare”.

Il Presidente della Cupertinum, Francesco Trono, ha affermato: “Siamo felici che questo progetto sia partito addirittura in anticipo rispetto al Recovery Plan del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza del Governo, a sostegno di alcuni dei punti importanti del PNRR, come la transizione ecologica, il risparmio energetico, la valorizzazione e la tutela del territorio. Antichi e nuovi saperi si incontrano nella sinergia tra Sorgenia e Cupertinum e ci danno ottimismo per la ripartenza post-pandemica”.

Previous articleModuli FV bifacciali, confermate le proposte di Elettricità Futura e ITALIA SOLARE
Next articleOsservatorio Anie, in crescita in Italia le installazioni di energy storage