SolarEdge lancia una nuova gamma di ottimizzatori di potenza

SolarEdge Technologies, tra i leader mondiali nelle tecnologie smart energy, ha annunciato il rafforzamento del proprio portafoglio di ottimizzatori di potenza residenziali e commerciali con una più ampia varietà di moduli collegabili. La gamma potenziata, specificamente progettata per aumentare flessibilità e redditività dell’installazione, è ora disponibile per ordini in Italia.

In particolare, aumentando la propria penetrazione nel settore delle utility, SolarEdge amplia il proprio portafoglio di dispositivi di potenza per i grandi impianti fotovoltaici.

Il nuovo ottimizzatore di potenza M1600 multi-ingressi per installazioni a terra migliora la scalabilità economica dell’elettronica di potenza a livello di modulo (MLPE) nelle installazioni fotovoltaiche a livello di utility. La nuova soluzione ha due inseguitori MPP, collegabili a quattro moduli posizionati su due file. L’M1600 riduce i tempi di installazione dimezzando la quantità di ottimizzatori di potenza richiesti, senza compromettere il livello di ottimizzazione. 

Il nuovo dispositivo P950 per moduli ad alta potenza o bi-facciali rende disponibile l’ottimizzazione in CC (corrente continua) per un maggior numero di installazioni supportando il collegamento di due moduli ad alta potenza fino a 950 W totali o due moduli bi-facciali. Inoltre, consente una maggiore flessibilità di progettazione grazie a una maggiore potenza per stringa fino a 17,95 kW.

Soluzione economica per connessioni in serie, il nuovo ottimizzatore di potenza P801 per moduli a 72 celle consente il collegamento di 2 moduli da 72 celle con potenza fino a 800 W totali

Portando l’ottimizzazione in CC a più impianti fotovoltaici, il migliorato portafoglio residenziale presenta anche il nuovo ottimizzatore di potenza P401, che si collega a moduli ad alta potenza da 60/72 celle fino a 400 W.

Inoltre, la corrente massima di ingresso degli ottimizzatori di potenza P404, P405 e P485 è stata aumentato a 11 A per supportare anche moduli con correnti di cortocircuito Isc più elevate.  

 

Previous articlePrysmian, accordo con Vattenfall per parco eolico offshore in Olanda
Next articleITALIA SOLARE, webinar su certificazioni e criteri di scelta dei moduli FV