zeroEmission Medieterranean 2024
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
HomeSalvaguardia marinaSalvaguardia barriere coralline: Canon fornisce attrezzatura fotografica a progetto inglese
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
zeroEmission Medieterranean 2024

Salvaguardia barriere coralline: Canon fornisce attrezzatura fotografica a progetto inglese

Saranno gli obiettivi Canon a catturare le immagini delle barriere coralline all’interno dello studio avviato dal Coral Spawning Lab, laboratorio con sede a Morden, Londra, impegnato, con un team di ricercatori, in un importante progetto finalizzato ad approfondire i cicli di vita di un sistema marino che oggi rappresenta un vero e proprio tesoro da proteggere. L’azienda ha infatti messo a disposizione la sua attrezzatura fotografica all’avanguardia, grazie alla quale i ricercatori avranno la possibilità di creare un database visivo senza precedenti, che potrà essere utilizzato per monitorare e ottimizzare il processo di riproduzione del corallo. Lo studio intende fornire alle comunità di tutto il mondo le informazioni e gli strumenti utili a rigenerare gli ecosistemi corallini. Questo ha consentito al team di realizzare il primo evento di riproduzione prevedibile a livello internazionale, in un sistema completamente chiuso.

Secondo le Nazioni Unite, le barriere coralline rappresentano un’importante risorsa naturale che fornisce circa 2,7 mila miliardi di dollari all’anno in servizi – tra cui gli introiti del turismo, le materie prime per i farmaci salvavita e la sicurezza alimentare. Nonostante il loro immenso valore, le barriere coralline sono minacciate dagli effetti dannosi del cambiamento climatico, ed è stato segnalato che potrebbero ridursi del 70-90% in caso di innalzamento delle temperature al di sopra dei livelli pre-industriali. Ciò avrebbe conseguenze devastanti per l’ecosistema del nostro pianeta. Le fotocamere professionali e l’assortimento di obiettivi Canon consentiranno ai ricercatori di seguire i progressi di ogni nuovo “germoglio” di corallo, documentare le diverse fasi embriologiche, monitorare i tassi di mortalità. In particolare il team sarà in grado di documentare in modo accurato come il ciclo di vita del corallo svolga un ruolo chiave nel ripristino delle barriere coralline . La ricerca sarà open source, permettendo alle comunità locali di sfruttare le conoscenze acquisite per garantire la sopravvivenza di questo straordinario patrimonio.

“La nostra azienda è fortemente impegnata a lavorare per un futuro più sostenibile e questa iniziativa rientra tra le tante portate avanti dal Gruppo a tutela dell’ambiente. E’ per noi un privilegio collaborare con il team del Coral Spawning Lab: è bello vedere come le nostre avanzate apparecchiature di imaging vengano utilizzate per contribuire alla difesa delle barriere coralline, un habitat fondamentale per il mantenimento di un ecosistema sano. Si tratta di un ottio esempio di come le organizzazioni possano essere attivamente coinvolte nella salvaguardia della biodiversità globale” ha detto Daniela Valterio, Sustainability, Environment, Quality & Product Safety Manager di Canon Italia.

“Nel laboratorio, stiamo cercando di replicare la natura, ma abbiamo molto più controllo. Valutiamo le portate, i regimi alimentari, l’intensità dell’illuminazione – cosa funziona e cosa no. L’apparecchiatura fornita da Canon ci consente di monitorare meticolosamente il ciclo di vita del corallo, oltre ad aiutarci a diffondere il nostro lavoro a livello globale. Probabilmente ci rimangono non più di otto anni per ripristinare le barriere coralline nel mondo. Se non avremo un grande impatto in questo lasso di tempo, forse sarà troppo tardi” ha detto il dottor Michael Sweet, Co-fondatore del Coral Spawning Lab e professore di biologia acquatica presso la University of Derby.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati