Ricarica di EV, ABB investe 30 milioni in provincia di Arezzo

ABB ha comunicato di aver avviato la costruzione del nuovo stabilimento di San Giovanni Valdarno, in provincia di Arezzo, che si occuperà della produzione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici. Non solo: l’impianto, che occuperà circa 16.000 metri quadrati e sarà operativo entro la fine del 2021, sarà anche un centro di eccellenza globale.

Da quando è entrata nel mercato della ricarica dei veicoli elettrici, circa 10 anni fa, la multinazionale elettrotecnica svizzero-svedese ha venduto più di 14.000 sistemi di ricarica veloci in corrente continua in più di 80 paesi. È recente anche l’annuncio relativo alla fornitura di tecnologia di ricarica per le auto Gen3 nel Campionato Mondiale di Formula E della FIA. L’azienda ha infine ricevuto il premio Global E-mobility Leader 2019 per il proprio ruolo a sostegno dell’adozione di soluzioni di trasporto sostenibile a livello internazionale.

Il comunicato specifica cosa verrà prodotto nel nuovo stabilimento di ABB: in pratica, l’intero portafoglio di sistemi di ricarica di veicoli elettrici in corrente continua (DC), da quelli per uso domestico a quelli per l’installazione in aree pubbliche e a quelli dedicati al trasporto pubblico urbano. La nuova struttura sarà inoltre caratterizzata dall’integrazione delle soluzioni digitali di ABB Ability. Queste permetteranno una visibilità completa e l’ottimizzazione della produzione di ogni singolo prodotto, rendendo interconnessi i sistemi di gestione automatizzata del magazzino con i reparti della fabbrica. Al sistema informativo della fabbrica saranno collegate apparecchiature automatizzate per l’assemblaggio di circuiti stampati e sistemi di monitoraggio e test.

Nel frattempo, l’integrazione di fonti di energia rinnovabile come i pannelli solari sul tetto, un sistema di riscaldamento e raffrescamento ottimizzato e l’introduzione di una flotta di veicoli elettrici per i dipendenti, la logistica, le vendite e i team di assistenza contribuiranno a contenere l’impatto ambientale della struttura.

 

Previous articleBando per “reti intelligenti”, 35 progetti presentati al Mise
Next articleReport, il Covid-19 non frena la mobilità elettrica nei paesi europei più lungimiranti