Repower Italia, contributo decisivo a brillante semestre globale della multinazionale

Utile operativo in lieve calo, risultato netto sostanzialmente stabile e proventi in sensibile aumento: il gruppo energetico Repower – multinazionale svizzera presente anche in Italia –  archivia un primo semestre dell’anno che la stessa società in un comunicato definisce “solido e robusto”. I ricavi operativi sono ammontati a 1,3 miliardi, in progressione del 53% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il risultato operativo Ebit si è contratto del 13% a 60 milioni, mentre l’utile netto si è attestato a 42 milioni (+4%).

I prezzi bassi dell’elettricità durante il periodo di confinamento della primavera 2020 hanno avuto un effetto negativo ritardato sul risultato, per via delle strategie di copertura dei rischi a lungo termine, spiegano i vertici della società nel comunicato. Un contributo importante al gruppo è, per l’appunto, giunto da Repower Italia, che ha tratto vantaggio dall’aumento della domanda di energia nelle piccole e medie imprese nel nostro paese.

La produzione di energia idroelettrica – punto di forza della società – è stata in linea con la media a lungo termine, inferiore però a quella eccezionalmente elevata dell’anno precedente. Le ragioni principali sono da ricercare in precipitazioni leggermente inferiori alla media e nell’inizio relativamente tardivo dello scioglimento delle nevi. In linea con la strategia aziendale, sono stati anche portati avanti gli investimenti nel potenziamento degli impianti di produzione di energia rinnovabile.

Il management – conclude la nota – si aspetta un risultato solido anche nella seconda metà dell’anno, mentre nel medio termine l’impresa conta di beneficiare dell’aumento dei prezzi dell’elettricità.

 

Previous articleLa soluzione Q Cells di Energia Italia integra un nuovo sistema di storage ai moduli FV
Next articleAxpo, PPA in Romania per grande parco eolico onshore