Report WindEurope: il contributo dell’industria eolica al PIL dell’UE al 2030

Nello scenario in cui i Piani Nazionali Energia e Clima si realizzassero, i 397 GW di energia eolica installata produrrebbero un contributo al PIL dell’Unione Europea di 50 miliardi di euro nel 2030, un aumento del 34% rispetto al 2019. È questo uno dei dati più rilevanti presentati nel Flagship report WindEurope dell’ANEV, lAssociazione nazionale energia del vento.

Con questa distribuzione dell’energia eolica, il peso del settore nell’economia potrebbe passare dallo 0,26% nel 2016 allo 0,88% nel 2030.

Mentre nel caso in cui l’Europa decidesse di non investire nel settore, adottando di fatto politiche poco ambiziose, le installazioni eoliche sarebbero pari a 324 GW e produrrebbero un contributo di 42 miliardi di euro al PIL dell’UE. In pratica provocherebbero all’economia europea nel solo 2030 un mancato guadagno pari ad 8 miliardi di euro. Come si evince da questo schema.

Nei giorni scorsi era stato messo l’accento sulla situazione in Italia rispetto alle stime/proiezioni dell’ANEV nel caso in cui si installassero i 19.300 MW di impianti eolici, con la previsione dell’incremento dell’occupazione pari a 67.200 nuovi posti di lavoro (qui la nostra news).

Previous articleRapporto ANEV, l’eolico un fattore per l’occupazione se rispettati i parametri del PNIEC
Next articleTesla, a Berlino la più grande Gigafactory di batterie al mondo