Report Irena: nel 2019 il FV ha dato lavoro a 3,8 milioni di persone

Nel 2019 il 33% della forza lavoro nel mercato delle energie rinnovabili è stata occupata nel fotovoltaico, per un totale di circa 3,8 milioni di lavoratori in tutto il mondo, in crescita del 4% rispetto all’anno precedente. È quanto emerge dalla settima edizione del report Renewable Energy and Jobs realizzato da Irena-Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili.

Premessa fondamentale al report: per l’Agenzia il settore  delle rinnovabili può dar lavoro a più persone rispetto a quello delle energie fossili. Investendo 1 milione di dollari nelle rinnovabili, infatti, si creano in media circa 7,49 lavori a tempo pieno, quasi triplicando i 2,65 lavori che si creerebbero con lo stesso investimento nelle fonti fossili. Non solo, le rinnovabili possono sostenere un miglioramento dell’equilibrio di genere: le donne al momento coprono il 32% dei posti di lavoro.

Nel dettaglio del report, nel 2019 il mercato delle rinnovabili in generale ha dato lavoro a circa 11,5 milioni di persone in tutto il mondo. L’Asia ha rappresentato il 63% del totale dei posti di lavoro nel mercato delle energie rinnovabili e, più nello specifico, l’83% del totale globale dei posti di lavoro nel fotovoltaico per circa 3,1 milioni di persone. Alle sue spalle, il Nord America con il 6,5% di lavoratori nel fotovoltaico, l’Europa con il 4,4% e l’Africa con il 3,7%.

Considerati congiuntamente, i 10 Paesi principali del mondo sono patria dell’87% della forza lavoro mondiale impiegata nel fotovoltaico, segno che lo sviluppo e la manifattura in questo mercato continuano a essere concentrati in pochi Stati. In Cina, che da sola copre oltre la metà dei lavoratori nel fotovoltaico del mondo, sono impiegati circa 2,2 milioni di persone. Degna di nota la performance dell’Unione Europea dove i posti di lavoro in ambito fotovoltaico sono cresciuti da 95.600 nel 2018 a 127.300 nel 2019.

Il report di Irena, nella sua globalità, è consultabile cliccando qui

 

Previous articleBiometano liquido, accordo tra AB e l’olandese Stirling Cryogenics
Next articleStatkraft rafforza la produzione di energia solare con l’acquisizione di Solarcentury