Regno Unito, una legge per posizionare colonnine di ricarica e wallbox in tutti gli edifici

Il Regno Unito corre sullo sviluppo dell’auto elettrica per non arrivare impreparato al 2030, data in cui dovrebbe essere stoppata la vendita delle auto benzina e diesel (e nel 2035 quella delle ibride).

Lo fa con la proposta di una nuova legge, annunciata dal premier Boris Johnson, che prevede l’installazione obbligatoria delle colonnine o wallbox negli edifici nuovi o oggetto di ristrutturazioni. “Questo è un momento cruciale – ha dichiarato Johnson –. Non possiamo andare avanti così come siamo. Dobbiamo adattare la nostra economia alla rivoluzione industriale verde”.

Fino a 145.000 punti di ricarica complessivi nasceranno ogni anno in UK da qui a fine decennio, aggiungendosi ai 250.000 già presenti nelle case e nei luoghi di lavoro dei cittadini britannici. Basta fare un calcolo rapido e semplice per capire che ci troviamo di fronte a cifre che supereranno quota 1,5 milioni totali.

Dove sorgeranno tutti questi caricatori? In “nuove abitazioni e costruzioni, come ad esempio i supermercati” – recita una nota pubblicata da Downing Street – ma anche in “edifici in via di ristrutturazione” con “oltre 10 posti auto”.

L’obiettivo è rendere la ricarica “facile come fare oggi rifornimento di benzina o gasolio”. Ecco perché il Governo di Londra sta lavorando con l’industria “per rendere più semplice l’uso dell’elettrico, introducendo nuovi modi per pagare durante il viaggio in tutti i nuovi punti di ricarica rapida e veloce, come il sistema contactless”.

 

 

Previous articleTerna Energy progetta di costruire nuovi parchi eolici in Polonia
Next articleEolico offshore, Renexia completa 1a fase di rilevamenti per progetto Med Wind