REC Group avvia la produzione in serie dei nuovi moduli solari basati sulla tecnologia di Meyer Burger Technology

Meyer Burger Technology –  società svizzera di ingegneria meccanica con particolare attenzione alle tecnologie solari – ha annunciato che REC Group (produttore norvegese worldwide di moduli solari) ha avviato la produzione in serie dei suoi nuovi moduli Alpha. Questa nuova generazione di moduli è prodotta tramite apparecchiature Meyer Burger HJT / SmartWire e presenta il pannello solare a 60 celle più potente al mondo. Oltre a una potenza di 380 Wp, che fornisce il 20% in più rispetto ai pannelli convenzionali nella stessa area.

Steve O’Neil, CEO REC Group, ha affermato “La tecnologia di produzione di Meyer Burger ci consente di offrire i pannelli di potenza più elevati e a costi competitivi. La nostra valutazione, lunga e attenta, ha dimostrato le prestazioni superiori. La tecnologia delle celle HJT di Meyer Burger combinata con il design TwinPanel  e integrata nel nuovo pannello Alpha sta alla base della nostra leadership nel mercato fotovoltaico globale; oltre alle elevate prestazioni del prodotto in termini di efficienza che è significativamente più elevata rispetto ai pannelli convenzionali”

Hans Brändle, CEO Meyer Burger, ha commentato: “Congratulazioni a REC per aver raggiunto questo importante traguardo! È emozionante vedere la stretta collaborazione scatenare energia organizzativa in entrambi i team. Ciò ha permesso di sfruttare appieno il potenziale della tecnologia HJT / SmartWire, come dimostrato nel nuovo Alpha di REC Serie. Raggiungere questo traguardo motiva entrambi i team a far avanzare ulteriormente la roadmap tecnologica al fine di rafforzare le nostre posizioni di leadership. Siamo fiduciosi che la collaborazione di Meyer Burger con REC Group si dimostrerà una storia di successo in futuro.

 

Previous articleTerniEnergia, alleanza strategica Softeco-Ailux per le centrali elettriche virtuali (UVAM)
Next articleClima, Greenpeace: dal 2010 le lobby di petrolio e gas hanno speso più di 250 milioni di euro per fare pressione su Ue