Rapporto di FIRE sui sistemi di gestione dell’energia: in aumento i siti certificati

È stato presentato nei giorni scorsi, durante un webinar dedicato, il Rapporto 2021 sui sistemi di gestione dell’energia certificati Iso 50001, prodotto da FIRE (Federazione Italiana per l’uso Razionale dell’Energia) in collaborazione con Cei e Cti, che delinea un quadro aggiornato sull’implementazione dello standard e sull’impatto delle modifiche apportate nella nuova versione della Iso 50001 entrata in vigore nel 2018. Parliamo della norma che specifica i requisiti per creare, avviare, mantenere e migliorare un sistema di gestione dell’energia.

Ad aprire i lavori, dopo i saluti di Dario Di Santo della FIRE, è stato Mauro Mallone del Ministero della transizione ecologica, che ha annunciato un bando in partenza nei prossimi anni a supporto delle Pmi che intendono implementare i sistemi di gestione dell’energia. È stata poi la volta di Livio De Chicchis, Energy management analyst di FIRE, che ha illustrato i risultati dell’indagine, contenuta nel Rapporto, portata avanti coinvolgendo i tre attori che operano nel mercato della Iso 50001: le organizzazioni certificate, gli esperti del settore e gli organismi di certificazione.

Il lavoro è un follow-up di quanto già realizzato in passato dalla Federazione mediante un’indagine simile risalente al 2016 e un approfondimento fatto su alcuni temi specifici nel 2018. Ciò ha portato a dei confronti con l’edizione del 2016, che hanno permesso di evidenziare le tendenze di questi ultimi anni. Tra i vari aspetti, è emerso che per i soggetti certificati i benefici derivanti superino gli aspetti negativi, con una soddisfazione diffusa riscontrata sulla scelta di implementare il sistema di gestione.

La quasi totalità dei partecipanti ha anche espresso apprezzamento per le modifiche introdotte dalla Iso 50001:2018, sottolineando i numerosi miglioramenti apportati dalla nuova versione pubblicata tre anni fa. I principali aspetti migliorativi e le eventuali problematiche riscontrate sono stati poi trattati e approfonditi nel Report mediante dei casi studio che hanno permesso di capire meglio i meccanismi e il funzionamento della norma all’interno delle imprese certificate.

 

Previous articleREFRIGERA 2021, a Bologna la fiera dedicata all’intera filiera della refrigerazione
Next articleBMW, avviata a Monaco di Baviera la produzione dell’auto elettrica “i4”