Presentato il Libro Bianco 3.0 di ANIE e RSE sugli accumuli

Lo scorso 11 febbraio è stata presentata l’edizione 3.0 del Libro Bianco realizzato da RSE (Ricerca sul Sistema Energetico) e ANIE Energia dal titolo “L’accumulo elettrochimico di energia. Nuove regole, nuove opportunità”.

Il Libro Bianco 3.0 prosegue un lavoro che ormai da diversi anni ANIE e RSE stanno conducendo sui sistemi di accumulo di energia e che ha già segnato due tappe, nel 2015 e nel 2017, con la pubblicazione delle due precedenti edizioni.

In questa nuova edizione del Libro Bianco, che rappresenta solo una delle numerose occasioni di collaborazione tra RSE e ANIE Energia, attraverso competenze sinergiche (e ormai ben integrate) – ha dichiarato in apertura di evento l’Amministratore Delegato di RSE, Maurizio Delfanti – abbiamo posto sotto la lente gli aspetti determinanti lo scenario evolutivo dei sistemi di accumulo elettrochimico. La maturità tecnologica, con la riduzione dei costi, da un lato, e la progressiva capacità di adattamento alle nuove tecnologie da parte del sistema dall’altro, anche attraverso nuove regole, delineano una prospettiva di sviluppo significativo, verso un efficace apporto degli accumuli al sistema elettrico, sempre più decarbonizzato, del futuro”,

La terza edizione del Libro Bianco ripercorre, aggiornandoli, alcuni dei casi già studiati nelle due precedenti versioni, per tener conto delle importanti modifiche nel frattempo verificatesi in merito alle regole, alle condizioni di mercato, alle prestazioni e ai costi di investimento. Il documento, soprattutto, porta all’attenzione nuove situazioni per le quali nel frattempo si sono colti segnali di crescente interesse, come ad esempio impianti ibridi a ciclo combinato – accumulo elettrochimico, autoconsumo collettivo, aggregati di piccoli sistemi di accumulo per fornire servizi alla rete, uso dell’accumulo per fornire riserva ultra rapida di frequenza, uso di veicoli elettrici in modalità “vehicle to grid”.

 

Previous articleAlerion Clean Power, sottoscritto accordo per lo sviluppo di impianti FV in Romania
Next articleItalvolt apre gigafactory di batterie in Italia con l’automotive nel mirino