Le turbine eoliche di Vestas superano i test di sovratensione

R&D Test Systems – società danese esperta in test sulle turbine eoliche offshore – ha installato il primo sistema Fault Ride Through (FRT) al mondo, valutato a 66 kV, per l’impianto Østerild di Vestas. Il sistema è stato sviluppato per condurre test di tensione estrema sulle turbine eoliche di Vestas e garantire che le sue soluzioni soddisfino gli standard internazionali richiesti per la loro connessione alle reti elettriche. Il colosso danese specializzato in turbine ha superato agevolmente ogni test.

L’attrezzatura di prova con tensione di uscita di 66 kV di cui avevamo bisogno non era disponibile sul mercato. Abbiamo applicato la nostra esperienza ingegneristica nei test su larga scala delle turbine eoliche per le trasmissioni onshore e offshore e i requisiti per la conformità della rete questo nuovo banco di prova FRT“, ha dichiarato Sascha Heinecke, direttore delle vendite di R&D Test Systems.

Lo scopo del test FRT è quello di provare che le turbine eoliche sono resistenti ai problemi di qualità della potenza della rete, come quando i cavi di trasmissione dell’energia sono danneggiati in una tempesta. Il test è progettato per garantire che le unità di generazione, sempre più spesso situate al largo, non falliscano a causa delle variazioni di tensione nella rete di trasmissione dell’energia – uno scenario che potrebbe portare a costosi tempi morti, manutenzione e, in situazioni estreme, interruzioni di corrente.

Il sistema di test può simulare interruzioni di corrente e sovra e sottotensioni nella rete di trasmissione per monitorare come reagisce la turbina eolica.” – ha aggiunto Heinecke – “Questo può andare da una tensione zero per alcune centinaia di millisecondi a una sovratensione del 120 per cento per ore, e include squilibri asimmetrici tra le fasi elettriche, classificati come Bollen C e Bollen D. I test condotti sono stati progettati per superare il codice di rete più rigoroso, e la turbina deve mantenere il suo collegamento alla rete di trasmissione dell’energia per superare il test e ottenere l’omologazione per la connessione alla rete elettrica“.

 

Previous articleEni, nuova call per i servizi innovativi nell’eolico
Next articleDVP Solar acquista il progetto di un parco FV in Sardegna