La city car di Sono Motors si trasforma in centrale elettrica grazie a una wallbox

Sono Motors è la startup tedesca che ha sviluppato la Sion, una city car interamente ricoperta di pannelli solari. Oggi presenta una wallbox in grado di fornire energia anche da veicolo a rete (V2G) e da veicolo a casa (V2H), in modo bidirezionale dunque.

La wallbox – riporta un comunicato della società – consente di utilizzare la Sion come centrale elettrica mobile. E anche di reimmettere l’elettricità accumulata nella casa o nella rete stessa. In particolare i proprietari di case con impianti fotovoltaici risparmiano in termini di esborso economico, dal momento che sono in grado di utilizzare più energia elettrica propria senza dover acquistare un costoso sistema di accumulo domestico.

Nel dettaglio, ogni Sion è dotata di serie di un sistema di ricarica bidirezionale, in combinazione con l’app Sono. Può alimentare gli elettrodomestici di casa e fornire energia ad altre auto elettriche. Ed essere utile in situazioni di emergenza, con mancanza di corrente dalla rete. A differenza delle wallbox DC precedentemente disponibili, Sono Motors ha optato per una wallbox AC. “Questo è possibile – spiega la società – grazie alla conversione da corrente continua ad alternata (DC/AC), che avviene all’interno della Sion stessa e non nella wallbox, riducendo notevolmente i costi”.

L’auto, in definitiva, funziona come accumulatore di energia e centrale elettrica per l’abitazione senza immissione in rete. Così l’elettricità proveniente dall’integrazione solare della Sion può essere immagazzinata nella batterie durante il giorno per essere distribuita all’interno della casa durante la notte.

 

 

 

 

Previous articleBoom del Superbonus: ok a detrazioni per 5,7 miliardi a fine agosto
Next articleDl Infrastrutture, riattivato Ecobonus per le auto non inquinanti