La certificazione CARB avvicina il debutto della Tesla Model Y

La Tesla Model Y potrebbe essere molto vicina al suo debutto, e potrebbe disporre di maggiore autonomia rispetto a quanto stimato inizialmente dall’azienda di Elon Musk. Il mini SUV elettrico ha infatti ottenuto la certificazione CARB (California Air Ressource Board), una tra le più importanti che le nuove autovetture devono ottenere prima della loro messa in commercio.

Si tratta di un segnale significativo rispetto ai tempi dell’approdo sul mercato, fase che a questo punto si avvicinerebbe.

Dai dati emersi dalla certificazione del CARB si nota un’autonomia migliore di quella promessa dal costruttore. Il modello certificato è la Tesla Model Y Performance che ha ottenuto un’autonomia di 441,91 miglia, cioè di circa 711 Km, con il metodo Urban Dynamometer Driving Schedule (UDDS).

La Tesla Model Y per via del maggiore peso e dell’aerodinamica meno favorevole su strada sicuramente consumerà di più rispetto alla Tesla Model 3, testata e omologata l’anno scorso, ma i due modelli dispongono del medesimo powertrain e quindi la correlazione tra consumi e efficienza sarà oggetto di precisi confronti.

 

Previous articleAccordo tra Eni e Politecnico di Torino per ricerca su fonti rinnovabili marine
Next articleEnergica, crescita del 100% nel 2020 ed ebitda positivo nel 2022