Italvolt si allea con Politecnico Milano per lo sviluppo di batterie

Italvolt, società fondata da Lars Carlstrom, si allea con il Politecnico di Milano, per lo sviluppo di batterie per la mobilità elettrica.

Nell’ambito della partnership, il laboratorio interdipartimentale di recente costituzione del Politecnico, Circ-eV, Circular Factory for the Electrified Vehicles of the Future, identificherà le fonti di approvvigionamento primario di materie prime e analizzerà le possibilità di recupero di materiali chiave da fonti secondarie riciclate, come le batterie esauste.

La partnership segue quella di Italvolt con Aecom per ottimizzare la produzione e aumentare la resilienza delle batterie agli ioni di litio, riducendo al minimo gli scarti nel ciclo di vita del progetto.

Il Politecnico mapperà le catene di approvvigionamento per aiutare Italvolt a reperire materie prime da fonti primarie per la realizzazione della gigafactory di Scarmagno, con una capacità produttiva a regime di 45 GWh.

L’Università valuterà la qualità dei materiali provenienti dai fornitori primari per garantire la realizzazione di batterie agli ioni di litio di massima qualità e sostenibilità. Analizzerà anche i flussi relativi agli scarti di produzione per alimentare la fornitura anche tramite fonti secondarie e valuterà l’intera catena di produzione per permettere a Italvolt il recupero di materiale chiave presente nelle batterie esauste.

Questo modello di business per lo sviluppo delle batterie contribuirà all’industrializzazione green della regione e alla creazione di nuovi posti di lavoro altamente qualificati per la comunità locale” commenta Carlstrom. “Siamo orgogliosi di questa partnership con Italvolt su un tema così strategico specialmente nell’attuale contesto geopolitico mondiale” afferma il direttore del Dipartimento di Meccanica, Marco Bocciolone.

Previous articleMose di Venezia: 13 ettari per impianto fotovoltaico da 12-14 mila MWh
Next articleZhejiang Benyi presenta tre microinverter per sistemi FV residenziali