IONITY, nuova stazione di ricarica a Piacenza

Cresce la rete IONITY in Italia. É stata infatti attivata nell’area di Piacenza un’altra stazione di ricarica ad alta potenza. Per la precisione, all’incrocio tra le autostrade E35 e E70 (vedi foto).

IONITY, ricordiamo, è una joint venture nata con il compito di costruire un network europeo di stazioni di ricarica ad alta potenza per veicoli elettrici, e facilitare i viaggi a lunga distanza.

La nuova infrastruttura si aggiunge a quelle già attive sul territorio italiano, che sono in funzione a Palermo, Binasco, Montecchio Maggiore, Forlì, Rinovo Nord, Ceriale Sud, Brugnato Ovest, Brennero, Carpi e Valdichiana Outlet Village.

L’espansione nel nostro Paese è un obiettivo concreto della join venture, così come ha dichiarato nello scorso settembre Marcus Groll, CEO di IONITY, intervistato dalla stampa italiana in occasione della presentazione del parco di ricarica a Binasco: “Abbiamo prospettive a lungo termine. Non siamo in Italia per installare delle colonnine di ricarica e andarcene. Ne stiamo costruendo altre 50, oltre alle 278 già attive in tutta Europa. Ovviamente quest’anno stiamo stati rallentati dal Coronavirus ma siamo contenti della situazione attuale. Ci sono alcuni Paesi dove non siamo ancora presenti e altri come la Norvegia o la Germania dove invece c’è un grande utilizzo”.

Attualmente in Italia sono in fase di costruzione altre 6 stazioni, nelle seguenti località: Agira, Potenza, Monselice, Versilia Ovest, Trento e Portugruaro. Il progetto per l’Italia prevede, comunque, la realizzazione di ulteriori 13 stazioni.

IONITY è stata fondata da BMW, Daimler, Ford Motor Company e Volkswagen Group (con Audi e Porsche). In corsa si sono aggiunte nella join venture anche Hyundai Motor Company e Kia Motors. Il network di ricarica prevede l’utilizzo di un solo connettore, il Combined Charging System, con una potenza massima di ricarica di 350 kW.

 

Previous articleViessmann, sistemi ibridi per tutte le esigenze di climatizzazione
Next articleDM FER 1 e DL Semplificazioni: ITALIA SOLARE scrive al MiSE