zeroEmission Medieterranean 2024
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
HomeRinnovabiliInternational Holding acquista il 50% della divisione di energia rinnovabile di Kalyon
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
zeroEmission Medieterranean 2024

International Holding acquista il 50% della divisione di energia rinnovabile di Kalyon

International Holding Company, un conglomerato con sede ad Abu Dhabi, ha annunciato di aver acquistato per 1,8 miliardi di dirham emiratini (490,1 milioni di dollari/477,1 milioni di euro) il 50% di Kalyon Enerji, con sede in Turchia, la divisione di energia rinnovabile dell’organizzazione di costruzioni, energia e trasporto aereo Kalyon Holding, ampliando il proprio portafoglio con una serie di progetti solari ed eolici onshore.

L’acquirente ha dichiarato in un comunicato stampa all’inizio di questa settimana che la transazione è gestita attraverso la filiale di IHC chiamata International Energy Holding.

La centrale solare di Konya Karapinar, che ha una capacità di 1.348 MWp ed è attualmente in costruzione vicino ad Ankara, è un progetto di energia elettrica rinnovabile da 1 GW creato dall’iniziativa dell’amministrazione Renewable Energy Resources Spaces (YEKA), un progetto di produzione di energia elettrica da 100 MW a Nide, nella capitale nazionale dell’Anatolia, un progetto di energia solare da 50 MW a Gaziantep, oltre a numerosi altri progetti rinnovabili in tutta la Turchia, sono tutti inclusi nell’operazione, che è la seconda di IHC.

Secondo Cemal Kalyoncu, presidente del consiglio di amministrazione di Kalyon Holding, “questa collaborazione strategica ha un significato storico nel senso di riconoscere il fatto che sia le potenziali proposte in Turchia sia le imprese e i mercati veramente innovativi aprono aree in posizioni geografiche in cui abbiamo sempre voluto e previsto di entrare in tutto il mondo”.

La centrale di Kalyon Karapinar, con 3,5 milioni di pannelli fotovoltaici, dovrebbe entrare in funzione nel 2023.

Solo quattro mesi fa, IHC ha investito 7,3 miliardi di dirham in tre filiali del Gruppo Adani, il conglomerato indiano, nel tentativo di tenere il passo con il piano di investimenti a lungo termine attualmente in corso nel settore dell’energia pulita. Ora IHC ha deciso di entrare nel mercato turco delle energie rinnovabili.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati