Impianti idroelettrici di Erg: A2A in prima fila per l’acquisizione

Erg – il gruppo genovese controllato dalle famiglie Garrone e Mondini, primo operatore eolico in Italia con una potenza installata di 1.967 Mw – è sempre più vicino alla vendita del nucleo idroelettrico di Terni e della centrale termoelettrica di Priolo, a Siracusa. Lo riporta Il Secolo XIX.

Secondo il quotidiano gneovese, il dossier, aperto un paio di mesi fa, è uno dei più importati del settore: il valore dei due asset in vendita è stimato in circa un miliardo. Le offerte vincolanti sono arrivate a inizio luglio e sono al vaglio della società e degli advisor, Rothschild e Mediobanca. L’interesse degli acquirenti sembra focalizzato sulle 19 centrali idroelettriche distribuite tra Umbria, Marche e Lazio che Erg acquistò da E.On nel 2015 pagandole 950 milioni di euro.

Il nucleo Erg Hydro si compone di 19 centrali, sette dighe, tre serbatoi e una stazione di pompaggio, per una potenza complessiva di 527 Mw. La centrale termoelettrica è a Priolo Gargallo, a Siracusa, e ha una capacità installata pari a 480 Mw.

Tra i soggetti che avrebbero presentato offerta vincolante per l’Hydro ci sono la multiutility Iren, Enel in cordata con Infracapital, la svizzera Alpiq, il gruppo ceco Eph e la lombarda A2A. Al momento – specifica il quotidiano – in vantaggio ci sarebbe quest’ultima, che ha come amministratore delegato Renato Mazzoncini.

Secondo fonti tecniche il valore delle offerte per il complesso idroelettrico potrebbe essere compreso tra i 600 milioni e gli 800 milioni. Iren potrebbe essere interessata all’asset idro ma molto dipenderà dal costo. Nella prima fase del processo, entrambi gli impianti avevano richiamato l’attenzione dei principali operatori. Indiscrezioni avevano rivelato che il dossier era stato guardato da Dolomiti Energia, la valdostana Cva, il tandem Alperia-Ascopiave, oltre a Enel in cordata con Infracapital, Iren, Alpiq e A2A. Tra i gruppi energetici internazionali si segnalavano Engie, Total e il gruppo idroelettrico norvegese Statkraft, oltre ai cechi di Eph.

Previous articleItalia Solare chiede proroga delle procedure per la Valutazione di Impatto Ambientale
Next articleEnel Green Power Espana, accordo con Johnson & Johnson per fornitura di energia rinnovabile