Gli inverter di Fimer alimentano l’impianto FV di un campus universitario australiano

FIMER, multinazionale italiana produttrice di inverter fotovoltaici, è stata scelta dall’australiana La Trobe University per alimentare l’impianto FV da 519 kW del suo nuovo centro sportivo situato presso il Campus Bundoora a Melbourne. Nel dettaglio, l’obiettivo dell’ateneo di raggiungere “emissioni zero” entro il 2029 passerà anche attraverso l’utilizzo degli inverter PVS-100 di Fimer. 

La Trobe University si è infatti affidata a Elite Solar Pro ( un Engineering Procurement Constructor) che ha installato oltre 1.100 pannelli da 470 W e 5 inverter di stringa trifase PVS-100. Questi sono stati posizionati sul tetto del centro sportivo e integrati in una struttura creata ad hoc.

Gli inverter di Fimer, riporta un comunicato, sono considerati ideali per questa tipologia di applicazione: la loro elevata densità di potenza consente di minimizzare il numero di unità installate, contribuendo così ad una sensibile riduzione del capitale investito. Consentono inoltre di ridurre significativamente i costi di installazione e manutenzione, in quanto è veloce da installare e facile da configurare. Il sistema è connesso alla piattaforma Aurora Vision Plant Management di Fimer, consentendo il monitoraggio e la gestione del sistema completamente da remoto.

Il nuovo impianto è in grado di generare annualmente circa 724 MWh di energia solare, sufficiente per soddisfare il fabbisogno elettrico dell’intero stadio. E grazie alle eccedenze di produzione, è in grado di integrare anche il fabbisogno energetico del campus principale.

 

Previous articleTerna, a luglio domanda di energia elettrica coperta per il 38% dalle fonti rinnovabili
Next articleEconomia circolare, il fondo F2i acquisisce ReLife