FCA, la tecnologia Vehicle-to-Grid collega le nuove vetture alla rete

FCA – grazie all’intesa con Terna e Engie EPS (player industriale che sviluppa tecnologie per il sistema energetico globale) – ha dato il via, a Torino, alla realizzazione della prima fase del progetto pilota Vehicle-to-Grid (V2G) per testare le potenziali connessioni dei suoi veicoli con la rete. L’impianto V2G del Drosso – nel comprensorio di Mirafiori a Torino – rappresenta per FCA una prima assoluta e quando interamente completato – riporta l’agenzia Ansa – sarà il progetto sperimentale più grande al mondo tra quelli a oggi annunciati.

La tecnologia V2G si basa sulla gestione bidirezionale della carica e consente all’auto elettrica di trasformarsi in una grande “batteria mobile” che interagisce in modo intelligente con la rete. Le auto parcheggiate e collegate alle colonnine vengono ricaricate negli orari di minor picco dei consumi, mentre restituiscono potenza alla rete quando la richiesta è elevata ed evitare possibili ‘black out’. In altre parole, forniscono ‘servizi di flessibilità’ alla rete per renderla più stabile e sicura. Questa tecnologia evita ogni possibile disagio al cliente che, una volta collegata la vettura alla colonnina di ricarica, dovrà semplicemente inserire orario di ripartenza e chilometri da percorrere o percentuale di carica che vorrà avere, e il sistema si regolerà automaticamente.

L’area di 3 mila metri quadrati ospiterà appositi punti di ricarica bidirezionali fast charge con una potenza fino a 50 kW collegati ad un’infrastruttura centralizzata e un sistema di controllo avanzato realizzati da Engie EPS che consentono anche la fornitura di servizi di rete V2G. La prima fase ha previsto l’installazione di 32 colonnine V2G in grado di connettere 64 veicoli e nella seconda fase arrivare a 700 veicoli.

Il nostro è un laboratorio per sperimentare e sviluppare offerte per creare valore sui mercati energetici.” – ha spiegato Roberto Di Stefano, responsabile network development ed e-Mobility per la Regione Emea di FCA – “In media, le vetture elettriche rimangono inutilizzate per l’80-90% della giornata: in questo lungo periodo, se connesse alla rete, grazie alla tecnologia Vehicle-to-Grid permettono ai clienti di ottenere agevolazioni sulle tariffe energetiche in cambio del servizio di bilanciamento offerto. Il tutto senza compromettere le necessità di mobilità. È un grande risultato che unisce i settori della mobilità e dell’energia. Inoltre, questo progetto si colloca nel più ampio contesto della partnership tecnologica che lega Engie EPS e FCA fin dal 2016 nel settore e-mobility, nata con l’obiettivo primario e concreto di ridurre il costo del ciclo-vita dei veicoli elettrici di FCA, attraverso offerte specifiche dedicate ai clienti”.

 

Previous articleAir Liquide installa sei stazioni di distribuzione di biometano nel Regno Unito
Next articleNasce in India il più grande parco di energia rinnovabile ibrida