EnerMia accende l’e-mobility torinese

EnerMia – start up innovativa che opera nel settore della mobilità elettrica offrendo servizi e sistemi di ricarica per veicoli elettrici – porta nel capoluogo piementese un nuovo modo di vivere l’elettrico: è infatti tra le cinque società selezionate nel 2020 dal Comune di Torino per l’installazione di quasi 400 colonnine di ricarica per auto elettriche.

Grazie all’installazione di soluzioni di ricarica altamente tecnologiche e facili da utilizzare – riporta un comunicato della società – EnerMia contribuisce all’obiettivo dell’amministrazione comunale di rendere Torino una città green, dotata delle infrastrutture necessarie per incentivare la mobilità sostenibile.

L’installazione delle infrastrutture di ricarica nel comune di Torino è un passo importante verso la diffusione capillare della rete di colonnine per l’e-mobility nel nostro paese” commenta Flavia Samorì, Amministratore Delegato e fondatrice di EnerMia.

Dislocate in punti strategici all’interno del territorio urbano, le colonnine di ricarica E2X di EnerMia sono ideali per installazioni su suolo pubblico e adatte alla ricarica di tutti i tipi di auto elettrica con potenza da 3.7 a 22 KW. Collegate ad un sistema di gestione da remoto in Cloud che consente una riduzione dei costi di mantenimento, le infrastrutture di ricarica E2X sono costituite da componenti di alta qualità e resistenza.

Questa azienda, nella sua qualità di “Charging Point Operator”, vanta oggi una grande esperienza e una importante fiducia riconosciuta da parte delle pubbliche amministrazioni.” – continua la dottoressa Samorì – “Diverse, infatti, ci hanno commissionato la realizzazione di infrastrutture di ricarica accessibili al pubblico, interoperabili e pienamente conformi alle disposizioni previste all’interno del PNNR , al fine di rendere agevole, intuitivo e fruibile il servizio di ricarica agli utenti ­finali”.

Presenti nel network di Plugsurfing, sono inoltre accessibili tramite App EnerMia – che ne consente l’interoperabilità e la visibilità su mappe e navigatori –  la gestione degli accessi, i pagamenti e la relativa fatturazione. I costi del servizio sono infatti disponibili sull’ app nella sezione mappe digitando sulla colonnina di interesse. EnerMia ha inoltre sviluppato, fra gli altri, un piano tariffario “pay as you go”, che permette di effettuare il pagamento a consumo effettivo.

Previous articleTetra Pak, il nuovo impianto FV a Rubiera è realizzato da BayWa r.e.
Next articleSemestrale Enel: Ebitda in calo, ma aumentano gli investimenti grazie a Enel X