zeroEmission Medieterranean 2024
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
HomeBatterieEnergy e Pylon Technologies Europe, al via gigafactory batterie in in provincia...
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
zeroEmission Medieterranean 2024

Energy e Pylon Technologies Europe, al via gigafactory batterie in in provincia di Padova

Nel suo decimo anniversario dalla costituzione, Energy S.p.A. – società attiva nell’offerta di sistemi integrati di accumulo di energia –  facendo seguito a quanto reso noto in data 28 febbraio 2023, comunica di aver formalizzato la costituzione della società in joint venture con Pylon Technologies Europe Holding B.V. (“Pylontech EU”), società di diritto olandese controllata al 100% da Pylon Technologies Co. Ltd, il primo costruttore al mondo di batterie al litio per uso ciclico stazionario, per l’accumulo di energia da fonti rinnovabili. Scopo della joint venture – riporta la nota diffusa – è “rafforzare il business comune nel territorio europeo tramite una società di nuova costituzione, partecipata da entrambe le aziende, per la produzione e commercializzazione in Europa di batterie al litio”.

La joint venture denominata “Pylon LiFeEU S.r.l.” ha sede presso lo stabilimento di Energy a Sant’Angelo di Piove di Sacco (PD). Qui sarà avviata entro la fine del 2023 la produzione di batterie LFP (litio-ferro-fosfato) cobalt- free, necessarie allo stoccaggio di energia prodotta da fonti rinnovabili, in particolare da pannelli fotovoltaici. Sarà dunque realizzata una gigafactory all’interno dello stabilimento produttivo di Energy. Il business plan della joint venture prevede la realizzazione, in fase iniziale, di un primo sito che potrà arrivare ad una capacità produttiva di 600-800 batterie al giorno, pari a 3-4 Megawattora (MWh) di capacità di accumuloGrazie a questa joint venture, Energy sarà l’unica azienda italiana a realizzare internamente sia il sistema di accumulo energetico che le batterie di stoccaggio.

Energy e Pylon Technologies collaborano da dieci anni ed entrambe hanno puntato, fin da subito, da vere pioniere, sulla tecnologia delle batterie a ciclo stazionario per l’accumulo di energia che ne mitigano l’impatto ambientale e decarbonizzano l’intero processo produttivo. Secondo dati di mercato , la Cina produce quasi l’80 per cento della capacità di storage delle batterie mondiali. Tra gli obiettivi comunitari vi è quello di incentivare la produzione della componentistica sul territorio europeo, che rappresenta il principale scopo della joint venture, che si qualifica come un’operazione di “friendshoring”, in cui Italia e Cina collaborano attivamente, grazie agli investimenti del partner cinese nel mercato italiano.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati