Energy, al via le nuove linee produttive per le batterie

La padovana Energy Spa, società quotata al Egm dal 1 agosto 2022 e attiva nel settore dei sistemi integrati di accumulo di energia, incassa ricavi in crescita del 204% su base tendenziale nei primi sei mesi del 2022 raggiungendo 53,3 mln euro. I risultati del primo semestre 2022 rappresentano un andamento del business caratterizzato da forte crescita per Energy, che ha registrato risultati considerevoli in termini di fatturato e di redditività, raggiungendo, nella prima metà dell’anno, valori comparabili o anche superiori a quelli registrati nell’intero esercizio 2021.

La società guidata dall’ad Davide Tinazzi (nella foto) è una PMI innovativa attiva nel settore del sistema di accumulo dell’energia da rinnovabili, un sistema che – secondo dati BloombergNEF – vede un Cagr di crescita della capacità di immagazzinamento del 50,8% in termini di GW nel mondo tra il 2020 e il 2025, e del 21,9% annuo tra il 2026 e il 2030. Forte dei risultati ottenuti, la società ha dunque annunciato il via a nuove linee produttive per le batterie.

Tornando ai dati diffusi, in crescita esponenziale sia l’ebitda, che arriva ai 14,8 milioni di euro rispetto ai 3,4 milioni del primo semestre 2021, che l’utile netto del primo semestre 2022, a quota 10,7 mln di euro contro i 2,4 milioni dei primi 6 mesi del 2021.

 

Previous articleChi si oppone alle rinnovabili? Le risposte nella tavola rotonda di ZeroEmission Mediterranean 2022
Next articleVictoria PLC e Gruppo Hera: alleanza per l’efficienza energetica e la decarbonizzazione