Enel GP, accordo di finanziamento con Ue per gigafactory di pannelli solari

Enel Green Power (“EGP”) e la Commissione europea hanno firmato un accordo di finanziamento agevolato a fondo perduto (“grant agreement”), nell’ambito del primo bando del Fondo europeo per l’innovazione per progetti su larga scala, che contribuirà allo sviluppo di TANGO (iTaliAN pv Giga factOry), un impianto di dimensioni industriali per la produzione di moduli fotovoltaici innovativi, sostenibili e ad alte prestazioni presso la fabbrica di pannelli solari 3Sun di EGP a Catania. In linea con l’accordo, l’espansione della fabbrica comporterà un aumento della sua capacità di produzione di 15 volte, fino a 3 GW l’anno dagli attuali 200 MW. Si prevede che la fabbrica da 3 GW entri a pieno esercizio entro luglio 2024, dopo l’avvio con i primi 400 MW di capacità a settembre 2023, rendendo così 3Sun il più grande impianto europeo per la produzione di moduli fotovoltaici bifacciali ad alte prestazioni su scala gigawatt.

L’investimento totale per la realizzazione della fabbrica da 3 GW ammonta a circa 600 milioni di euro, di cui all’impegno di EGP si aggiungerà un finanziamento dell’UE per quasi 118 milioni di euro. Si prevede che l’investimento aumenti l’occupazione locale diretta e indiretta, creando circa 1.000 posti di lavoro entro il 2024, oltre a fungere da catalizzatore per il rilancio di una catena del valore del fotovoltaico in Europa.

La domanda mondiale di moduli solari fotovoltaici sta crescendo a un ritmo accelerato”, ha affermato Francesco Starace, CEO del Gruppo Enel. “Si prevede che l’Europa da sola assorbirà gran parte della domanda aggiuntiva grazie alla grande competitività e convenienza di questa tecnologia. La provenienza degli approvvigionamenti di queste importanti componenti rappresenta un punto debole nella filiera globale e vediamo la necessità di riequilibrare la sua distribuzione geografica che oggi è eccessivamente dipendente da un’unica fonte in Asia. Questo investimento riporterà 3.000 MW di capacità produttiva l’anno in Europa e segnerà per l’Italia un grande passo in avanti nel mantenimento della sua leadership tecnologica”.

“Il progetto TANGO contribuirà al raggiungimento delle accresciute ambizioni della UE che prevedono il 40% di consumo di energia da fonti rinnovabili entro il 2030, oltre ad aiutare a ridurre la dipendenza energetica,” ha affermato Salvatore Bernabei, CEO di Enel Green Power.  “La Gigafactory promuoverà un concetto di economia circolare, attraverso la creazione di una filiera europea più sostenibile e resiliente, dalla progettazione ai nuovi modelli di riutilizzo dei componenti a fine vita. Guardando al futuro, il progetto TANGO ha un alto potenziale di scalabilità e può diventare un modello per altre fabbriche di pannelli fotovoltaici su scala gigawatt da sviluppare in Europa nei prossimi anni.

La produzione di 3Sun includerà celle fotovoltaiche a eterogiunzione bifacciale (B-HJT) che catturano più luce solare poiché le celle possono rispondere alla luce sia sulla superficie anteriore che su quella posteriore. Grazie a un ambizioso programma di ricerca e sviluppo, i pannelli fotovoltaici potranno incorporare anche una struttura chiamata “Tandem”, che utilizza due celle sovrapposte che consentono di catturare più luce rispetto alle strutture a cella singola, per una maggiore efficienza complessiva. La combinazione di pannelli fotovoltaici bifacciali e struttura “Tandem” offre miglioramenti significativi dell’efficienza, che consentiranno ai moduli fotovoltaici di aumentarla fino a superare il 30%, assicurando così una produzione media di energia più elevata.

I 3 GW dei pannelli prodotti ogni anno dalla Gigafactory possono generare fino a circa 5,5 TWh di energia elettrica da rinnovabili l’anno che, dal punto di vista della sostenibilità, possono evitare l’equivalente di fino a quasi 25 milioni di tonnellate di CO2 nei loro primi dieci anni di attività. Allo stesso modo, la produzione generata dai pannelli della Gigafactory ha il potenziale di evitare l’acquisto di fino a quasi 1,2 miliardi di metri cubi di gas l’anno, sostituiti da energia rinnovabile di produzione nazionale.

La Gigafactory è stata progettata e costruita seguendo le migliori pratiche sostenibili e circolari, aumentando l’uso di materiale riciclato e rispettoso dell’ambiente e riducendo il consumo di energia e risorse.

Inoltre, 3Sun è fortemente impegnata anche in attività di ricerca e sviluppo in collaborazione con centri di ricerca internazionali, aziende leader nel settore e start-up, con l’obiettivo di sviluppare nuovi processi di riciclo per la gestione dei moduli fotovoltaici a fine vita attraverso il recupero e il riutilizzo dei materiali in un’ottica completamente circolare. Ad esempio, l’uso di procedure altamente automatizzate e di sofisticati algoritmi di intelligenza artificiale migliorerà notevolmente il controllo dei processi di produzione, portando a una significativa riduzione al minimo degli scarti.

 

Previous articleEnergia: intesa Rina-Fincantieri per favorire la decarbonizzazione
Next articleRenexia avvia monitoraggio correnti per il parco eolico Med Wind