Enel e Ceramica Mediterranea, al via la decarbonizzazione del processo produttivo della ceramica

Enel e Ceramica Mediterranea hanno siglato un protocollo di intesa per decarbonizzare ogni anello della filiera produttiva della ceramica. Si partirà dal sito sardo di Guspini – riporta un comunicato – dove sorge l’impianto per la lavorazione della ceramica di proprietà di Ceramica Mediterranea. Attraverso un progetto di studio che punta a sostituire il 100% del GPL attualmente utilizzato in una delle tre linee di cottura della ceramica con idrogeno verde.

L’iniziativa, già sottoposta in forma di manifestazione di interesse preliminare alla Regione Sardegna come possibile candidata per il bando Pnrr di prossima pubblicazione, è in linea con gli obiettivi del progetto del Gruppo Enel “Sardegna Isola Verde”.

La collaborazione si articola in tre ambiti. Il primo, finalizzato a valutare la soluzione di decarbonizzazione più efficace, dal punto di vista tecnico ed economico, per il processo di produzione della ceramica, con particolare attenzione alle applicazioni di idrogeno verde per i sottoprocessi ad alta temperatura (in particolare cottura della ceramica). Il secondo, incentrato su produzione e stoccaggio di idrogeno verde in sito per alimentare il processo produttivo di cui sopra. Il terzo ambito, infine, che conterrà la valutazione di ulteriori interventi in tema di elettrificazione, efficientamento energetico e installazione nel sito di ulteriore capacità di generazione rinnovabile.

«La ricerca di nuovi modelli di business al servizio dei nostri clienti e l’innovazione tecnologica sono fattori chiave di successo per procedere con determinazione verso l’obiettivo emissioni zero», dichiara Fabio Tentori, responsabile innovability di Enel X. «Quello che è cominciato con la firma di questo importante accordo è un percorso collaborativo che mette al centro strumenti per progettare e attuare insieme ai partner un futuro produttivo a emissioni zero, tecnologicamente avanzato ed efficiente. Attraverso l’innovazione realizzeremo il primo esempio su scala industriale di linea di cottura della ceramica completamente carbon-neutral, e le soluzioni adottate permetteranno anche di svincolare la produzione dalla volatilità del costo delle quote di emissione della CO2 e dei combustibili fossili».

«La necessità di decarbonizzare i processi produttivi coinvolge tutte le attività di business ed è tanto più urgente se riferita ad un comparto ad alto dispendio di combustibili fossili (gas naturale o GPL) come quello della ceramica, non facilmente elettrificabile», spiega Paola Brunetto, responsabile business unit idrogeno di Enel Green Power. «In questo contesto l’idrogeno verde si pone come soluzione ideale, complementare all’elettrificazione, per supportare la decarbonizzazione del settore: grazie a questa partnership e alla messa a punto di un impianto di elettrolisi in grado di produrre idrogeno sia da fotovoltaico in loco che da altri nostri impianti dislocati sull’isola, potremo arrivare a sostituire circa 1.600 tonnellate di GPL all’anno, evitando il rilascio di 4.800 tonnellate di CO2 annue in atmosfera».

Previous articleDalla Summer School ENEA primo progetto di comunità energetica in una metropoli italiana
Next articleIn Oman un impianto FV equivalente a 18 campi di calcio