DriWe e Charge4Europe uniscono le forze per promuovere la mobilità elettrica

La nuova era del “carburante elettrico” accelera la sua fase di diffusione in tutta Europa: dal 14 febbraio le colonnine di ricarica DriWe accettano la DKV CARD +Charge, attraverso Charge4Europe, joint venture fondata da DKV Euro Service e Innogy eMobility Solutions. Lo riporta un comunicato di DriWe, player della mobilità elettrica tra più innovativi in ​​Italia

Il nuovo mercato dei veicoli elettrici sta letteralmente esplodendo, in tutto il mondo, presentando giorno dopo giorno sempre più annunci di case automobilistiche e nuovi modelli di veicoli elettrici performanti. Uno dei più importanti fattori abilitanti di questa rivoluzione verde è sicuramente la possibilità di ricaricare quasi ovunque, a casa, in ufficio o nei punti di ricarica pubblici. Una chiave per migliorare la user experience dell’utente della mobilità elettrica è ridurre il numero di carte e app ancora necessarie per accedere a tutte le infrastrutture disponibili.

DKV ha capito subito, anni fa, quando ha iniziato a convertire i veicoli in plug-in, che questo rappresentava un potenziale problema per i gestori di flotte e gli utenti finali. Grazie alla joint venture Charge4Europe, DKV ha così deciso di fornire una nuova funzionalità, inclusa nella “stessa carta carburante” che i clienti sono abituati a utilizzare per la ricarica, di qualsiasi tipo e ovunque in Europa. DriWe è stata selezionata da DKV per aderire a questo nuovo piano di espansione, lavorando insieme per trovare il miglior modo disponibile per semplificare e agevolare l’esperienza utente.

Unendo le forze, le due società hanno recentemente firmato un accordo che prevede, nei prossimi mesi e anni, di aggiungere alla rete Charge4Europe punti di ricarica di proprietà e gestione di DriWe, grazie allo sviluppo del roaming e dei servizi che possono essere offerti ai conducenti di veicoli elettrici.

Luca Secco, fondatore e CEO di DriWe ha dichiarato: “È un onore lavorare in modo così professionale ed efficiente con il management di Charge4Europe, contribuendo a realizzare questo piano di sviluppo, e a costruire insieme la miglior esperienza di transizione verso la mobilità elettrica”.

L’accordo di roaming firmato con DriWe rappresenta per Charge4Europe un’altra tappa significativa verso l’obiettivo di costruire la più grande rete di ricarica in Europa.” – ha affermato Christopher Schäckermann, amministratore delegato di Charge4Europe e direttore eMobility di DKV – “Questo accordo contribuisce ad espandere ulteriormente la nostra rete a oltre 130.000 punti di accettazione in tutta Europa“.

 

 

 

 

Previous articleITALIA SOLARE, webinar dedicato al Superbonus 110%
Next articleITALIA SOLARE al neoministro Cingolani: “7 i punti cardine della transizione energetica”