Coronavirus: consumi acqua in aumento di oltre il 50%

I consumi domestici di acqua sono aumentati di oltre il 50%. Questa la stima messa a punto dall’Enea sugli effetti delle misure adottate contro l’emergenza coronavirus. Il documento ipotizza fino a 12 lavaggi giornalieri a testa in più rispetto al normale in seguito alla maggior frequenza con cui ci si deve lavare le mani per contrastare il Covid-10; il che si traduce in un impatto pari a circa 48 litri in più a persona, per un aumento complessivo dei consumi domestici fino al 53%.

Le stime sui consumi idrici, elaborate dai ricercatori dell’Enea vengono messe a disposizione delle autorità competenti, e sono rientrate nell’ambito della Giornata mondiale dell’acqua che si è tenuta il 22 marzo. Le stime prendono in considerazione diverse variabili, come per esempio consuetudini personali e tipo di rubinetto. In condizioni normali, il consumo medio pro-capite (con sistemi intelligenti di risparmio idrico) si attesta sui 120 litri al giorno a persona.

Ricordiamo che l’Enea fornisce sul suo sito indicazioni sui consumi e sul recupero delle acque anche in questo momento di emergenza sanitaria per il coronavirus.

Previous articleEuropean Bioplastics, ok al nuovo Piano d’azione per l’economia circolare
Next articleIlluminazione urbana, con iGuzzini Copenaghen risparmia il 95% di energia elettrica

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here