Cambiamenti climatici: Enel e Extreme E indagano su alterazioni vita marina

Extreme E – la serie automobilistica per vetture elettriche, progettata per aumentare la consapevolezza sui cambiamenti climatici –  e la Fondazione Enel (il think tank sulla transizione energetica), hanno confermato il loro primo progetto di ricerca scientifica congiunto. Questo – riporta un lancio dell’agenzia Ansa – si svolgerà nel laboratorio scientifico appositamente costruito a bordo della St. Helena, paddock galleggiante e quartier generale della serie.

Il progetto, guidato dal belga Alexander Vanhaelen, 24 anni, è incentrato sullo studio delle alterazioni della vita marina dovute ai cambiamenti climatici. Alexander si unirà al viaggio della St. Helena, in partenza all’inizio di settembre dalla Groenlandia, dove si terrà l’ Arctic X Prix. Alexander sarà assistito a bordo da Adam Pantelis Galatoulas. Entrambi gli scienziati stanno attualmente studiando biologia marina presso l’Università dell’Algarve, in Portogallo.

I due studiosi filtreranno l’acqua di mare durante l’ultimo viaggio della St.Helena per ottenere il Dna rilasciato da organismi marini e, sequenziando questo Dna, cercheranno di stabilire come la vita marina sia cambiata in varie parti dell’oceano soggette a condizioni di vita diverse. L’obiettivo è quello di creare un inventario globale delle specie di vertebrati per arricchire le banche dati esistenti.

Extreme E ha lavorato sin dall’inizio con la Fondazione Enel, partner scientifico fondatore del campionato, e lo scorso anno le due organizzazioni hanno collaborato per lanciare il bando di ricerca del campionato chiamato “Racing for the Planet“. Con esso si invitavano ricercatori scientifici internazionali a fare domanda per condurre ricerche a bordo della nave con lo scopo di migliorare le conoscenze sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e/o sulle strategie di adattamento e mitigazione per gli oceani del mondo e il Pianeta.

 

Previous articleBlue Elephant acquisisce 156 ettari in Sicilia per progetti FV
Next articleSorge nelle Alpi svizzere la grande centrale FV con 5mila pannelli solari