Bosch, trasporto a impatto zero con i sistemi di propulsione eCityTruck

Bosch prosegue nel percorso mirato a svolgere un ruolo chiave nel raggiungimento della neutralità climatica per tutti i tipi di veicoli. Per questo, l’azienda sta sviluppando una gamma di sistemi di propulsione efficienti, dai motori a combustione ai sistemi elettrici fino alle fuel cell.

In tal senso – riporta una nota del colosso tedesco – diventano oggi particolarmente interessanti i sistemi di propulsione eCityTruck di Bosch, silenziosi e a zero emissioni locali. Tali sistemi sono composti dall’e-axle, che combina il motore elettrico, l’elettronica di potenza e la trasmissione in un’unità compatta, e da un modulo di trazione elettrico (senza la trasmissione).

Tale soluzione può essere configurata per i veicoli commerciali leggeri fino a 7,5 tonnellate e, a seconda della batteria, consente un’autonomia fino a 200 km. Ciò significa che la maggior parte dei percorsi di consegna lunghi meno di 80 km al giorno possono essere agevolmente svolti con una singola carica. “Con eCityTruck, il sistema di propulsione elettrico diventa economico, compatto ed efficiente” ha dichiarato Uwe Gackstatter, Presidente della divisione Bosch Powertrain Solutions. In questo modo, Bosch rende i furgoni elettrici pronti per un’ampia diffusione.

Bosch – prosegue la nota – porta l’elettrificazione dei veicoli commerciali anche oltre i confini cittadini. Per esempio, l’azienda offre sistemi di propulsione eRegioTruck per i camion di medio e grande tonnellaggio, oltre che per gli autobus extraurbani e casi d’uso speciali. Il sistema di propulsione svolge un ruolo decisivo nel rendere il traffico regionale, nel raggio di 250 km, il più economico ed efficiente possibile. Inoltre, lo fa con rumorosità ridotta e zero emissioni locali.

Il motore elettrico, l’inverter e l’unità di controllo veicolo (Vehicle Control Unit) fanno parte di questa soluzione. A seconda della topologia, il motore elettrico compatto può essere un’unità elettrica separata, oppure un componente attivo integrato nell’assale rigido.

Previous articleSeminario ANEV-Elettricità Futura su iter procedurale della Commissione VIA
Next articleEnergia, da ENEA celle fotovoltaiche superefficienti