Assegnata con sorteggio la costruzione del più grande parco eolico offshore della Danimarca

Il Ministero danese del clima, dell’energia e dei servizi pubblici e l’Agenzia danese per l’energia (DEA) hanno annunciato che una joint venture ha vinto la gara per il progetto Thor da 1.000 MW, vale a dire il più grande parco eolico offshore della Danimarca fino ad oggi. Join venture costituita da RWE AG, RWE Renewables GmbH e RWE Renewables Management UK Limited. Una vittoria…per sorteggio!

All’inizio di quest’anno, l’Agenzia danese per l’energia ha pre-qualificato sei società e consorzi per presentare un’offerta per il parco eolico offshore Thor, che è stato messo in gara con una capacità da 800 MW a 1.000 MW.

Gli sviluppatori selezionati, insieme alla join venture, erano: Ørsted; Vattenfall; un consorzio di Total e Iberdrola; una joint venture di SSE Renewables e Thor OFW K/S, e Swan Wind P/S (joint venture tra Eneco e European Energy). Gli sviluppatori avevano tempo fino a metà marzo per presentare le loro offerte preliminari. Il bando per le offerte finali è stato poi emesso in agosto ed è rimasto aperto fino a novembre.

Il 25 novembre, la DEA ha riferito che più di un offerente si era offerto di costruire il parco eolico offshore per la capacità massima di 1.000 MW nel rispetto dei parametri posti, e che dunque la gara sarebbe stata decisa da un sorteggio, in conformità con le specifiche del bando.

La Danimarca prevede di avere la connessione alla rete di Thor pronta per il 1° gennaio 2025, mentre il parco eolico stesso deve essere completamente commissionato entro il 31 dicembre 2027. Una volta pienamente operativo, Thor sarà in grado di produrre abbastanza elettricità verde da fornire l’equivalente di circa 1,4 milioni di famiglie danesi.

 

Previous articleUniversità di Pavia: efficienza record per celle solari innovative
Next articleElettricità Futura: “Recepimento della Direttiva RED II è un passo importante”