Aquila Capital investe più di 35 milioni in progetti di efficienza energetica in Italia

Aquila Capital, società tedesca di investimenti sostenibili e sviluppo di asset, ha realizzato una serie di nuovi progetti di efficienza energetica in Italia, per un valore che supera i 35 milioni di euro. 

La strategia di Aquila Capital focalizzata sul mercato dell’efficienza energetica in Italia – riporta un comunicato – si concentra sul finanziamento di progetti di efficientamento energetico per aziende industriali e commerciali, enti pubblici o edifici residenziali in collaborazione con società di sviluppo specializzate, tra cui società di servizi energetici, fornitori di tecnologie globali e società di installazione. Aquila Capital contribuisce così in modo attivo al raggiungimento degli obiettivi dell’Unione Europea in materia di energia e cambiamenti climatici per il 2030. 

 Aquila Capital, che ha aperto un ufficio a Milano lo scorso giugno, opera nel mercato italiano dell’efficienza energetica dal 2019. Attualmente, la società ha oltre 12 progetti di efficienza energetica per un valore superiore ai 35,5 milioni di euro tra cui progetti di illuminazione per clienti commerciali e industriali, progetti di illuminazione stradale, impianti di cogenerazione, interventi per il settore residenziale e progetti fotovoltaici in autoconsumo. Attraverso questi progetti Aquila Capital non solo ha contribuito a diminuire le spese energetiche dei suoi clienti, migliorandone la competitività, ma ha anche contribuito attivamente a ridurre le emissioni di CO2, sostenendo il raggiungimento degli obiettivi dell’Unione Europea in materia di energia e cambiamenti climatici per il 2030, puntando al contempo a generare rendimenti corretti per il rischio molto interessanti per i propri investitori. 

 Franco Hauri, Senior Investment Manager del team Energy Efficiency di Aquila Capital, ha commentato: «L’Italia è storicamente caratterizzata da un livello dei prezzi dell’energia elettrica superiore alla media europea, e offre quindi un elevato potenziale di risparmio per le aziende che realizzano progetti di efficienza energetica. Tuttavia, fino a poco tempo fa, in numerose aziende industriali e commerciali l’efficienza energetica non veniva considerata un’attività prioritaria. La situazione è cambiata sulla scia, da un lato, dell’aumento sostanziale dei prezzi dell’energia determinato dalla ripresa economica e dall’aggressione dell’Ucraina da parte della Russia e, dall’altro, del lancio delle iniziative New RePower EU da parte della Commissione Europea, che ha l’obiettivo di ridurre la dipendenza complessiva dal gas russo.  Per un gran numero di aziende, la riduzione delle spese energetiche e la garanzia di stabilità dei prezzi dell’energia sono diventate una necessità».

Previous articleBluetti, vademecum per realizzare il proprio impianto FV e autoprodurre energia
Next articleA2A, con fotovoltaico in Puglia -11mila tonnellate CO2