Sostenibilità, in Sicilia Poste italiane punta su FV, mezzi green e Smart Building

Poste Italiane ha annunciato il varo di una Green Strategy per rendere l’impatto sul territorio sempre più sostenibile anche in Sicilia. L’Isola è infatti protagonista di una serie di interventi che contribuiranno all’obiettivo di zero emissioni nette di CO2 attraverso iniziative green e di abbattimento dei consumi energetici. Significherebbe, nelle intenzioni del Gruppo, tagliare del 30% le emissioni di anidride carbonica entro il 2025 e nel 2030 il raggiungimento della Carbon Neutrality, come riporta un comunicato.

Circa un miliardo dei 3.1 d’investimenti stanziati con il nuovo piano industriale 24 Sustain & Innovate – ha dichiarato l’amministratore delegato di Poste italiane Matteo Del Fante – sarà destinato alla sostenibilità. Ma noi non lo consideriamo un costo bensì di un investimento sul futuro. Già oggi il 95% del fabbisogno di energia elettrica del Gruppo Poste Italiane proviene da fonti rinnovabili – ha concluso l’ad – e intendiamo sostituire l’intero parco veicoli per arrivare a 26 mila veicoli green entro il 2024”.

Di particolare rilievo è il piano per il fotovoltaico che prevede nel territorio palermitano l’installazione di 9 impianti di media/grossa taglia – per superficie disponibile oltre che per consumi energetici – cioè con capacità compresa tra 7 e 780 kWp (kilowatt picco) – su un totale di 46 sedi presenti sull’Isola fra uffici postali, centri distribuzione e meccanizzazione postale. Complessivamente si prevede l’installazione di oltre 3.000 kWp.

Tali interventi garantiscono mediamente una copertura dei fabbisogni di energia elettrica diurna di oltre 4.340.000 kW per ora e la conseguente riduzione dei costi della bolletta elettrica. E a completamento del piano di interventi per la decarbonizzazione, oltre ai progetti sugli immobili aziendali, in provincia di Palermo l’azienda sta intervenendo anche sulla flotta a disposizione per il recapito della corrispondenza e dei pacchi in ottica ecologica.

Per le strade del territorio palermitano, inoltre, più di 100 mezzi aziendali sono green, elettrici o a basso impatto ambientale, come i nuovi tricicli e quadricicli alimentati elettricamente al 100% e i veicoli a tre ruote basso emissivi. Un piano di sostituzioni dei tradizionali mezzi endotermici a cui si accompagna l’impegno da parte di Poste Italiane a installare per ogni nuovo veicolo una colonnina elettrica per la ricarica, confermando la volontà di garantire una maggiore sostenibilità ambientale su tutto il territorio regionale.

Il progetto include anche interventi all’insegna dello “Smart Building” – con nuovi sistemi di gestione integrata degli edifici dal punto di vista energetico anche mediante l’integrazione degli impianti già esistenti – e la sostituzione nelle sedi aziendali dei corpi illuminanti con lampade fluorescenti con la tecnologia led per l’abbattimento (circa il 50%) dei consumi di energia elettrica e il risparmio dei costi di manutenzione legati alla maggior durata in ore dei corpi illuminanti

 

Previous articleENEA e Enel insieme nel progetto UE per la produzione di moduli FV da riciclo
Next articleENEA, nuovo processo per produrre combustibili da rifiuti con le rinnovabili