Siemens Gamesa acquista assets di Senvion per 200 milioni di euro

L’accordo copre una “gran parte” delle attività di servizi onshore europei di Senvion – per un totale di 8,9 GW – nonché tutte le attività proprie e associate, tutta la proprietà intellettuale di Senvion e uno stabilimento di produzione di pale onshore a Vagos, in Portogallo.

Siemens Gamesa ha affermato che l’attività di assistenza diversificherà la sua offerta e il suo mix geografico “con contratti che offrono visibilità a lungo termine e tassi di rinnovamento storicamente molto elevati”.
L’IP di Senvion consentirà alla società tedesco-spagnola di “migliorare ulteriormente il proprio portafoglio tecnologico”, mentre lo stabilimento portoghese è un sito competitivo che ridurrà la sua dipendenza dai fornitori asiatici.

Circa 2000 dipendenti Senvion si uniranno a Siemens Gamesa come parte dell’accordo.

Fatto salvo l’ottenimento delle necessarie autorizzazioni normative e il raggiungimento di altre condizioni di chiusura, Siemens Gamesa prevede di chiudere la rispettiva acquisizione di attività entro marzo 2020, a partire dall’unità di servizio entro la fine del quarto trimestre 2019.

L’accordo non avrà alcun impatto sulle prestazioni finanziarie nell’anno fiscale 2019 per Siemens Gamesa.

“Questa transazione rappresenta un importante passo avanti per Siemens Gamesa”, ha dichiarato l’amministratore delegato Markus Tacke.

“L’inserimento delle attività di assistenza di Senvion ci aiuterà a guidare la crescita in un segmento di mercato chiave e ad aggiungere capacità importanti in Germania e in altri importanti mercati europei, mentre la fabbrica di pale ci aiuta a mitigare il rischio nel difficile contesto commerciale”.

Senvion ha affermato che il processo di messa in liquidazione è invece iniziato per altre aree della sua attività “al fine di garantire soluzioni socialmente accettabili per i dipendenti rimanenti e una liquidazione ordinata delle risorse rimanenti”.

“Come annunciato in precedenza, alcuni progetti di realizzazione delle turbine eoliche sono in fase di completamento, assicurando ulteriori posti di lavoro, e alcuni proseguiranno fino alla metà del prossimo anno. Per altre attività, tra cui operazioni in India e operazioni di servizi extraeuropei, continuano i colloqui esplorativi con potenziali investitori”, l’azienda ha aggiunto.

L’amministratore delegato Yves Rannou ha dichiarato: “Siamo lieti di essere stati in grado di offrire ai nostri colleghi la gran parte del business europeo dei servizi di terra e il nostro stabilimento di produzione di pale in Portogallo, assicurando quasi il 60% di tutti i posti di lavoro per adesso.”

Previous articleSostenibilità’: HABITECH guida la nuova era dell’edilizia
Next articlePompe di calore con refrigerante ecologico sviluppato per installazioni interne