Shenzhen Dynanonic, nuovo impianto per le batterie al litio-ferro-fosfato

Shenzhen Dynanonic, società cinese che produce materiali per le batterie agli ioni di litio, costruirà un impianto da 150mila tonnellate all’anno di litio-ferro-fosfato in Cina. Più precisamente nella città di Qujing, nella provincia sud-occidentale dello Yunnan. Lo riporta il portale britannico argusmedia.com specializzato nel mondo delle rinnovabili.

La combinazione litio-ferro-fosfato – riporta il sito – viene utilizzata nel catodo delle batterie agli ioni di litio. Negli ultimi anni si è registrata una crescita del suo utilizzo all’interno di una più generale tendenza all’eliminazione del cobalto dal catodo delle batterie. In Cina nei primi due mesi del 2021 sono state installate batterie al litio-ferro-fosfato per 5,5 gigawattora: quasi sette volte tanto rispetto all’anno precedente.

Il progetto ha un valore di 2,9 miliardi di yuan, oltre 400 milioni di dollari e si compone di due strutture. Una da 100mila tonnellate all’anno gestita da Dynanonic con EVE Energy, società cinese che realizza batterie al litio; e un’altra da 50mila tonnellate all’anno, dove Dynanonic opererà da sola.

 

 

 

 

Previous articlePNRR, Camera e Senato estendono il Superbonus 110% al 2023
Next articleReport Irena: nel 2020 crescita dell’energia rinnovabile nel mondo