Banner OGT SOLAR
HomeLeggi e normativeRinnovabili, ok del Consiglio UE a nuova direttiva: obiettivo minimo a 42,5%...
Banner FRONIUS

Rinnovabili, ok del Consiglio UE a nuova direttiva: obiettivo minimo a 42,5% entro il 2030

Il Consiglio UE ha adottato la nuova direttiva sulle energie rinnovabili per aumentare la quota di energia rinnovabile nel consumo complessivo di energia dell’UE al 42,5% entro il 2030 con un ulteriore supplemento indicativo del 2,5% per consentire di raggiungere l’obiettivo del 45%. Ogni Stato membro contribuirà a questo obiettivo comune. “Tutti gli Stati membri contribuiranno a raggiungere obiettivi settoriale più ambiziosi nei trasporti, nell’industria, negli edifici e nel teleriscaldamento e nel raffreddamento. Lo scopo dei sotto-obiettivi è quello di accelerare l’integrazione delle energie rinnovabili nei settori in cui l’incorporazione è stata più lenta”, si legge in unta nota del Consiglio UE.

“Questo è un grande risultato nel quadro del pacchetto “Fit for 55″ che contribuirà a raggiungere l’obiettivo climatico dell’UE di ridurre le emissioni dell’UE di almeno il 55% entro il 2030. Si tratta di un passo avanti che contribuirà a raggiungere gli obiettivi climatici dell’UE in modo equo, economico e competitivo”, ha dichiarato Teresa Ribera, ministro spagnolo ad interim per la transizione ecologica. La direttiva sarà pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’UE ed entrerà in vigore 20 giorni dopo. Gli Stati membri avranno 18 mesi dopo l’entrata in vigore per recepirla nella legislazione nazionale.

In tema di trasporti gli Stati membri avranno la possibilità di scegliere tra un obiettivo vincolante di una riduzione del 14,5% dell’intensità dei gas a effetto serra nei trasporti dall’uso delle energie rinnovabili entro il 2030 e una quota vincolante di almeno il 29% delle energie rinnovabili nel consumo finale di energia nel settore dei trasporti entro il 2030. Le nuove norme stabiliscono un sotto obiettivo combinato vincolante del 5,5% per i biocarburanti avanzati (generalmente derivati da materie prime non a base alimentare) e i combustibili rinnovabili di origine non biologica (per lo più idrogeno rinnovabile e combustibili sintetici a base di idrogeno) nella quota di energie rinnovabili fornite al settore dei trasporti. All’interno di questo obiettivo, esiste un requisito minimo dell’1% di combustibili rinnovabili di origine non biologica (RFNBO) nella quota di energie rinnovabili fornite al settore dei trasporti nel 2030.

La direttiva prevede inoltre che l’industria dovrà aumentare l’uso di energia rinnovabile ogni anno dell’1,6%. Gli Stati membri hanno convenuto che il 42% dell’idrogeno utilizzato nell’industria dovrebbe provenire da combustibili rinnovabili di origine non biologica (RFNBO) entro il 2030 e il 60% entro il 2035.

Le nuove regole fissano un obiettivo indicativo di almeno una quota di energia rinnovabile del 49% negli edifici nel 2030. Gli obiettivi rinnovabili per il riscaldamento e il raffreddamento aumenteranno gradualmente, con un aumento vincolante dello 0,8% all’anno a livello nazionale fino al 2026 e dell’1,1% dal 2026 al 2030. L’aliquota media annuale minima applicabile a tutti gli Stati membri è integrata da ulteriori aumenti indicativi calcolati specificamente per ciascuno Stato membro. La direttiva rafforza anche i criteri di sostenibilità per l’uso della biomassa per l’energia, al fine di ridurre il rischio di produzione di bioenergia non sostenibile. Gli Stati membri garantiranno l’applicazione del principio a cascata, con particolare attenzione ai regimi di sostegno e tenendo debitamente conto delle specificità nazionali.

La direttiva prevede infine procedure autorizzative accelerato per i progetti di energia rinnovabile. L’intenzione è quella di accelerare la diffusione delle energie rinnovabili nel contesto del piano REPowerEU dell’UE per diventare indipendente dai combustibili fossili russi, dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Gli Stati membri progetteranno aree di accelerazione delle energie rinnovabili in cui i progetti di energia rinnovabile saranno sottoposti a processi semplificati e rapidi di concessione dei permessi. Si presumerà anche che la diffusione dell’energia rinnovabile sia di “prevalente interesse pubblico“, il che limiterà i motivi delle obiezioni legali alle nuove installazioni.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati