Piattaforma “Close the Glass Loop”: differenziata del vetro al 90% entro il 2030

Un ambizioso piano di sostenibilità legato agli imballaggi in vetro per l’Europa che punta al raggiungimento di un livello di raccolta differenziata di almeno il 90% entro in 2030 in tutti i Paesi dell’Unione: la piattaforma è denominata “Close the Glass Loop”, e il progetto vede capofila Feve (European Container Glass Federation), supportata in Italia da Assovetro e da Co.Re.Ve., il consorzio nazionale per il recupero del vetro.

La piattaforma sarà lanciata ufficialmente il prossimo 30 giugno. La sfida è coinvolgere tutti gli attori della filiera, dai produttori e utilizzatori di imballaggi in vetro fino ai consumatori finali, cioè i cittadini, passando dai Comuni responsabili della raccolta differenziata a fine vita alle aziende di trattamento e recupero del vetro, in modo da intraprendere un percorso virtuoso che veda tutti gli sforzi concentrati per un obiettivo comune: valorizzare un perfetto esempio di economia circolare, nella direzione dello sviluppo sostenibile.

In Italia – sottolinea il presidente di Co.Re.Ve. Gianni Scotticontiamo di raggiungere l’obiettivo prefissato in pochi anni. Nel 2019 abbiamo registrato un tasso di riciclo del 77,3% che equivale a un tasso di raccolta dell’87%, con previsioni di crescita ulteriori molto incoraggianti per i prossimi anni. Grazie al progetto Close the Glass Loop puntiamo a una razionalizzazione del sistema e ad uniformarlo su scala europea, così da poter condividere le buone pratiche e massimizzare il riciclo”.

Previous articleMercato libero dell’energia: le nuove indicazioni di ARERA
Next articleGSE: nel 2019 installati oltre 58mila nuovi impianti fotovoltaici