Mazda, entro il 2035 tutti gli stabilimenti saranno “carbon neutral”

Dopo avere indicato nell’ultimo Rapporto sulla Sostenibilità le questioni sociali da affrontare attraverso le attività dell’azienda – mettendole in relazione con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) adottati dalle Nazioni Unite – Mazda Motor Corporation ha annunciato il proprio impegno a rendere carbon neutral i propri stabilimenti nel mondo entro il 2035, nell’ambito dell’obiettivo di raggiungere la neutralità al carbonio dell’intera catena di approvvigionamento entro il 2050.

Il brand giapponese spiega in un comunicato come sia “responsabilità fondamentale di tutte le case automobilistiche fare la propria parte per frenare il riscaldamento globale riducendo le emissioni di CO2 in ogni fase della produzione dei veicoli, compresi produzione, trasporto, utilizzo e riciclaggio dei veicoli stessi”.

Per raggiungere la neutralità al carbonio entro il 2035 nei propri stabilimenti in tutto il mondo, Mazda continuerà a lavorare a stretto contatto con i suoi partner e si concentrerà su tre aree: risparmio energetico, passaggio alle energie rinnovabili, introduzione di combustibili carbon neutral per i trasporti al proprio interno. La prima area si concentra sugli sforzi di risparmio energetico durante i processi di produzione dei veicoli, che emettono grandi quantità di CO2. Fra questi ci sono la riduzione dell’energia termica attraverso lo sviluppo di vernici a polimerizzazione a bassa temperatura e il miglioramento dell’efficienza di trasformazione dell’energia ottimizzandone la tecnologia di trattamento.

Per quanto riguarda la seconda area, cioè il passaggio alle energie rinnovabili, Mazda riconosce l’importanza non solo di compiere passi avanti verso la neutralità al carbonio dell’Azienda, ma anche di contribuire alla crescita dell’economia locale in cui hanno sede i suoi stabilimenti. Inoltre, Mazda sta prendendo in considerazione varie forme di decarbonizzazione, come la generazione di energia a emissioni di carbonio ridotte/zero nei propri impianti e l’approvvigionamento di elettricità da fornitori di energia rinnovabile.

Per l’introduzione di combustibili carbon neutral, la terza area, Mazda sta lavorando per impiegare per i trasporti al proprio interno dei combustibili ad emissioni zero di carbonio, nell’ambito della Hiroshima Council for Automotive Industry-Academia-Government Collaboration, che promuove l’uso effettivo dei biocarburanti di prossima generazione. Inoltre, Mazda sfrutterà le iniziative condotte in Giappone e le utilizzerà come base per implementare l’approccio ottimale per ciascuna struttura al di fuori del proprio Paese.

Previous articleSuperbonus 110%, al 31 maggio 2022 oltre 172mila interventi
Next articleCina, al via costruzione grande parco eolico nella provincia del Sichuan