LG lancia i nuovi moduli FV della serie NeON H e NeON R

LG Electronics ha annunciato il lancio dei nuovi moduli della serie NeON H e NeON R pensati per impianti fotovoltaici di taglia residenziale.

Il pannello NeON H+ di LG – riporta un comunicato della multinazionale – è dotato di 132 celle half-cut che generano un output fino a 420 Wp. Il nuovo pannello si distingue per la durata e l’efficienza superiori offerte dalle esclusive celle half-cut di tipo N di LG. Con un coefficiente di temperatura di -0,33% per grado Celsius, le celle half-cut di tipo N vengono influenzate meno dalle alte temperature rispetto ad altri pannelli Gap-free presenti sul mercato.

«Rispetto ai nostri competitor che impiegano ancora la tecnologia Perc» – ha dichiarato Luca Farfanelli, solar sales manager di LG Electronics Italia Spa – «riusciamo a superare i 400 Wp senza dover offrire moduli dalle dimensioni e peso elevate. Diamo quindi massima importanza alla maneggevolezza, condizione necessaria per le installazioni su tetto. Coperti dalla garanzia di 25 anni sul prodotto e sulle prestazioni di LG, i nuovi moduli vantano prestazioni, durata e affidabilità eccezionali, che lo rendono la scelta ideale per ridurre l’impronta energetica di una casa e per uno stile di vita più sostenibile».

Il nuovo modello è disponibile anche nella versione LG NeON H+ Black con backsheet nero, che conferisce al modulo un aspetto elegante e adatto a qualsiasi abitazione. Questa versione è disponibile con potenze fino a 410 Wp.

Come gli altri prodotti della serie precedente NeON H di LG, anche i pannelli NeON H+ sono garantiti per funzionare al 90,6% delle loro prestazioni originali anche dopo 25 anni di uso continuo. Inoltre, il design Gap-free consente di inserire più celle in un dato spazio offrendo efficienza, prestazioni e stabilità di erogazione ancora maggiori.

Completa la gamma la nuova serie NeON R che invece impiega 66 celle Tipo N con struttura a contatto posteriore e vanta un coefficiente di temperatura di -.29% per grado Celsius. La struttura della cella a contatto posteriore e drogaggio tipo N permette infatti di garantire le massime prestazioni in termini di continuità della produzione. Questo modulo raggiunge così la potenza di 440 Wp, con un’efficienza del 22,1%.

 

Previous articleEnel, nel 2021 crescita a doppia cifra dei ricavi preliminari
Next articleLe associazioni dell’elettrico chiedono al Governo di ritirare l’art. 16 del DL Sostegni TER