Legambiente, online la prima guida turistica dedicata ai parchi eolici italiani

L’idea di una guida turistica online dedicata agli impianti eolici – parchidelvento.it – nasce dall’obiettivo di permettere a tutti di andare a vedere da vicino le fonti che producono energia dal vento e di approfittarne per conoscere dei paesaggi bellissimi, fuori dai circuiti turistici più frequentati. È questo l’obiettivo che caratterizza il progetto realizzata da Legambiente con il contributo di Agsm, Edison, Erg, FERA, RWE e con il patrocinio di ANEV.

I paesaggi italiani sono straordinari per la loro bellezza, storia e diversità ma questa guida dimostra che le rinnovabili possono integrarsi e diventare persino un valore aggiunto di valorizzazione turistica dei territori.” – ha spiegato Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente e curatore della guida – “Gli undici impianti che abbiamo selezionato sono un invito a guardare con curiosità al territorio italiano e a trovare forme innovative di inserimento delle rinnovabili e di coinvolgimento delle comunità locali. Una sfida di grande attualità per il nostro Paese che deve recuperare i ritardi nella diffusione delle rinnovabili e che ci aspettiamo verrà affrontata dal Governo proprio in questa direzione nella revisione e semplificazione delle procedure per i progetti prevista dal PNRR”.

“Finalmente anche in Italia possiamo vantare una Guida turistica dei parchi eolici italiani”. – ha dichiarato Simone Togni, Presidente dell’ANEV – “Il nostro Paese ha risorse artistiche, culturali, enogastronomiche e paesaggistiche presenti in tutto il territorio, anche nei luoghi in cui sorgono i parchi eolici, ed è arrivato il momento di promuoverle grazie al turismo sostenibile. Viaggiare dove si respira aria pulita, in armonia con la natura, è una nuova frontiera che l’ANEV e Legambiente vogliono incoraggiare grazie a questa interessante guida dove si potranno trovare spunti e consigli preziosi su alcuni dei siti più belli tra quelli a vocazione eolica.

La guida, online e stampabile in inglese e italiano, descrive undici parchi eolici scelti da Legambiente in sei regioni italiane, ognuno accompagnato da mappe interattive con info sulle caratteristiche degli impianti, sulle bellezze dei territori e sui percorsi che li attraversano, e poi consigli utili su dove dormire, mangiare e su quali borghi e luoghi storici e artistici visitare. Si va dal paese di nascita di Sandro Pertini, in Sicilia, a Tocco da Casauria, finito in prima pagina sul New York Times 10 anni fa come il paese abruzzese modello di eco energia che distribuiva ricchezza sul territorio. Passando per il Cretto di Burri, una delle più note opere di land art, a ricordo del terremoto del Belìce del 1968 che distrusse Gibellina.

 

 

Previous articlePorto Spezia, tunnel produrrà energia dal fotovoltaico
Next article“Conferenza delle parti sul clima”, Milano scandisce l’attesa con eventi speciali