Enel finalizza la cessione del 50% di Gridspertise a CVC Capital

Enel S.p.A. informa di aver perfezionato, tramite Enel Grids S.r.l., la cessione del 50% della sua controllata Gridspertise S.r.l., interamente detenuta da Enel, al fondo di private equity internazionale CVC Capital Partners Fund VIII (“CVC”), a seguito del verificarsi di tutte le condizioni previste dall’accordo sottoscritto il 18 ottobre 2022.

Ai sensi del citato accordo – riporta un comunicato – CVC ha versato un corrispettivo complessivo di circa 300 milioni di euro, pari a un enterprise value di 625 milioni di euro (riferito al 100%). L’accordo prevede inoltre possibili pagamenti differiti che potrebbero portare l’enterprise value (riferito al 100%) fino a un miliardo di euro.

L’operazione nel suo complesso ha generato un impatto positivo sull’EBITDA del Gruppo Enel per circa 500 milioni di euro, oltre a un atteso effetto positivo sull’indebitamento finanziario netto consolidato del Gruppo di circa 300 milioni di euro.

A seguito dell’operazione, Enel e CVC gestiscono la Società in regime di controllo congiunto.

L’operazione – specifica il comunicato – è in linea con l’attuale Piano Strategico del Gruppo Enel, secondo il modello di Stewardship, che prevede investimenti condotti con terze parti, con l’obiettivo di aggiungere nuove infrastrutture e servizi finalizzati ad accelerare il processo di elettrificazione della domanda di energia dei clienti.

Gridspertise è un’azienda dedicata all’accelerazione della trasformazione digitale delle reti elettriche attraverso tecnologie e soluzioni di rete avanzate. La Società fornisce soluzioni e servizi end-to-end basati su piattaforma cloud-edge per accelerare la trasformazione digitale delle reti di distribuzione in tre aree principali: misurazione e digitalizzazione grid edge, digitalizzazione delle infrastrutture di rete, digitalizzazione delle field operations. Il portafoglio della Società è concepito come un ecosistema aperto, facilmente integrabile con i sistemi legacy delle società di distribuzione elettrica (DSO), che combina dispositivi di rete intelligenti con applicazioni modulari pronte all’uso, eseguite a livello centrale oltre che periferico.

Gridspertise nasce nel 2021, forte dell’esperienza ventennale di Enel nello sviluppo, test e scaling delle migliori tecnologie per la gestione di smart grid a livello mondiale. La Società ha ereditato un importante portafoglio di proprietà intellettuale di oltre 430 brevetti e unisce la propria esperienza nella digitalizzazione delle reti con soluzioni all’avanguardia offerte da partner tecnologici leader per rispondere alla continua evoluzione delle esigenze del mercato.

Oggi, Gridspertise collabora con oltre 50 DSO di dimensioni diverse e in varie aree geografiche, e nell’anno in corso ha consegnato oltre 5 milioni di device intelligenti. La Società ha sede in Italia con uffici in Spagna, Brasile, India e Stati Uniti. Fra i mercati target figurano Europa, America Latina e Nord America, con la possibilità di espandersi verso l’Asia-Pacifico e l’Africa, dove l’investimento in reti intelligenti guiderà l’aggiornamento delle infrastrutture nel prossimo futuro.

 

Previous articleNatixis rifinanzia il parco eolico di Renexia a Taranto
Next articleLa roadmap di Enel per la decarbonizzazione convalidata dalla Science Based Target