Eettricità Futura e CESI, al via ciclo di webinar sulle nuove tecnologie del settore elettrico

La serie di webinar e newsletter “Technology Watch” di Elettricità Futura si rinnova grazie alla partnership tra l’Associazione delle imprese elettriche italiane e CESI, azienda tra i leader mondiali nel campo dell’innovazione, dell’ingegneria, del testing e della consulenza per il settore elettrico e nell’ingegneria civile e ambientale.

In occasione del primo webinar in programma il 27 aprile i protagonisti del store elettrico e dell’ICT si confronteranno sulle opportunità tecnologiche legate alla digitalizzazione, con un focus particolare su 5G e connettività avanzata e sul loro ruolo per il raggiungimento del target Green Deal 2030. In contemporanea al webinar verrà pubblicata la newsletter trimestrale che monitora i trend tecnologici del settore elettrico con un contributo editoriale di CESI. Questo è il link di registrazione al webinar.

La collaborazione tra Elettricità Futura e CESI – riporta un comunicato congiunto – nasce dalla volontà di approfondire lo sviluppo delle nuove tecnologie che contribuiranno a decarbonizzare la nostra economia ed aprire un confronto con gli operatori del settore e i rappresentanti istituzionali sulle azioni concrete da promuovere. Le nuove tecnologie digitali e l’innovazione avranno un ruolo chiave nel processo di transizione energetica. La digitalizzazione costituisce uno dei pilastri della Green Recovery con almeno il 20% dei fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) destinati allo sviluppo di infrastrutture e competenze digitali.

“Grazie alla tecnologia, già oggi possiamo monitorare in real time gli impianti di produzione, ottimizzarne il funzionamento, prevedere le produzioni degli impianti solari ed eolici.” – ha dichiarato Agostino Re Rebaudengo, Presidente di Elettricità Futura – “I cittadini possono avere pieno controllo della gestione dei propri consumi: ricaricare l’auto con l’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici sul tetto oppure cedere parte dell’energia immagazzinata nelle batterie della propria auto alla rete. Non stiamo parlando di futuro, ma di tecnologie già mature. Abbiamo davanti una sfida più grande nella quale la collaborazione tra Elettricità Futura con realtà all’avanguardia come CESI sarà determinante. Contribuire all’ammodernamento digitale del nostro Paese in un’ottica di nuovi servizi per le imprese e maggiore inclusività per i cittadini”.

La digitalizzazione delle reti e dei sistemi elettrici sta cambiando radicalmente, e in modo positivo, il settore energetico. In questo ambito, il 5G è un importante catalizzatore per la diffusione delle tecnologie più innovative” – ha affermato Matteo Codazzi, Amministratore Delegato di CESI SpA – “Le sue caratteristiche tecniche coniugano grandissima velocità e bassa latenza con un’alta capacità di trasporto dati nonché copertura capillare e bassi consumi energetici. Tali caratteristiche permettono o migliorano numerose applicazioni: il controllo in tempo reale delle smart grid e la gestione degli oggetti IoT per il demand response; la sensoristica diffusa per la manutenzione delle reti e gli algoritmi di predictive maintenance; i droni per ispezionare le reti elettriche; la raccolta puntuale di dati da smart meter acqua e gas, anche quando istallati in posizioni remote; la gestione dell’illuminazione stradale, delle flotte di veicoli e dell’infrastruttura di ricarica al fine di massimizzare i servizi di flessibilità. CESI sta già supportando diverse utility nel mondo, a partire dagli Stati Uniti, nello studio di soluzioni avanzate per l’applicazione del 5G al settore elettrico. Per superare le sfide della transizione energetica è necessario, infatti, investire nell’innovazione, come facciamo da sempre. Sono sicuro che la partnership con Elettricità Futura porterà un contributo efficace alla diffusione dell’innovazione tecnologica per rendere il settore energetico sempre più sostenibile e attento ai bisogni dei cittadini.

Previous articleESI, commessa da 5,8 milioni di euro per nuovo impianto FV a Maiorca
Next articleZEROEMISSION 2021: la Fiera della ripartenza (23-24 giugno, Piacenza Expo)