Crisi energetica, dal governo via libera a 8 impianti per le rinnovabil

Il Consiglio dei ministri, su proposta del presidente Mario Draghi, in seguito alla complessiva valutazione e armonizzazione degli interessi pubblici coinvolti, ha deciso l’approvazione del giudizio positivo di compatibilità ambientale per otto progetti di impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili (energia eolica, fotovoltaica e geotermica), per una potenza complessiva pari a circa 314 megawatt. Di questi 8 progetti, 3 verranno realizzati in Puglia, 3 in Basilicata e 2 in Toscana.

I progetti riguardano un impianto eolico nei comuni di San Mauro Forte, Salandra e Garaguso (Matera), per una potenza di 72,8 megawatt; quello di “Venusia” nei comuni di Venosa e Maschito, in provincia di Potenza, da 36 megawatt; due in provincia di Foggia: quello nei comuni di San Paolo di Civitate località Masseria Difensola, e Poggio Imperiale località La Colonnella (31,35 megawatt), quello di “Serra Palino” nei comuni di Sant’Agata di Puglia e Candela (48 megawatt). Via libera anche al progetto per l’impianto agri-ovi-fotovoltaico “Copertino” nei comuni di Copertino e Galatina, in provincia di Lecce, da 60 megawatt.

Sono stati deliberati poi il permesso di ricerca finalizzato all’impianto pilota geotermico “Cortolla”, nel comune di Montecatini Val di Cecina (Pisa), da 5 megawatt elettrici; la proroga del termine di validità del provvedimento di valutazione di impatto ambientale per la realizzazione dell’impianto eolico nei comuni di Muro Lucano, Bella e Balvano, in provincia di Potenza, da 55,8 megawatt; e l’impianto pilota geotermico “Castelnuovo”, nel comune di Castelnuovo Val di Cecina (Pisa), da 5 megawatt elettrici.

Previous articleParlamento Europeo, arriva il caricabatterie unico contro i rifiuti elettrici
Next articleEolico, Sindaco di Vicchio: “Pale nel Mugello in funzione nel 2024”