zeroEmission Medieterranean 2024
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
HomeAuto elettricaAuto elettrica, nel 2024 tornano gli ecobonus per i redditi bassi
zeroEmission Medieterranean 2024
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE

Auto elettrica, nel 2024 tornano gli ecobonus per i redditi bassi

Chi comprerà un’auto elettrica nel 2024 avrà un incentivo fino a 13.750 euro se ha un reddito familiare inferiore ai 30.000 euro e rottamerà una macchina tra Euro 0 e Euro 2.Per chi ha un reddito più alto il bonus sarà di 11.000 euro.

Lo prevede il nuovo meccanismo di Ecobonus messo a punto dal ministero delle imprese e del Made in Italy, secondo quanto emerge dal tavolo per lo sviluppo dell’Automotive al quale partecipano Stellantis, Anfia e sindacati. E’ previsto un dpcm (decreto del presidente del consiglio) tra gennaio e febbraio, nel frattempo saranno in vigore i ‘vecchi’ incentivi. Le principali novità previste sono il potenziamento significativo del livello degli incentivi, soprattutto per l’elettrico, la differenziazione dei contributi a seconda della classe di euro della vettura rottamata: il contributo è maggiore se si rottama un’auto fra Euro 0 e Euro 2, la reintroduzione della maggiorazione del contributo per le famiglie con Isee basso (in vigore solo nel 2022), l’introduzione degli incentivi alle persone giuridiche, a eccezione dei concessionari auto (prima il contributo era previsto solo per le imprese di car sharing ed era dimezzato per le imprese di autonoleggio), il raddoppio del contributo previsto per i taxi e Ncc dal Decreto Asset.

Chi non ha un’auto da rottamare avrà un contributo di 6.000 euro che sale a 7.500 con Isee sotto i 30.000 euro. Chi rottama un Euro 3 avrà sulla base del reddito fino a 12.500 euro di sconto. Lo stesso meccanismo vale per le ibride plug-in, mentre per le auto termiche (fascia emissioni 61-135 grammi) l’incentivo sarà tra 1.500 e 3.000 euro e scatterà solo se si rottama (non ci saranno incrementi sulla base del reddito).

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati